Cerca

Ci sarà mai una tregua?

Tosi chiede scusa per le offese
Kyenge: "Voglio quelle di Maroni"

Storica stretta di mano tra il vice segretario del Carroccio e il ministro a Verona

Flavio Tosi e Cecile Kyenge

Flavio Tosi e Cecile Kyenge

Pubbliche scuse per gli insulti da parte di alcuni esponenti del suo partito e una stretta di mano che se non chiude almeno concede una tregua ai tempestosi rapporti tra la Lega e Cecile Kyenge. E' stato il vice segretario federale della Lega Nord Flavio Tosi ad accoglierla a braccia aperte a Verona dove il ministro doveva inaugurare un corso post-universitario di geostrategia africana. A Villa Buri, mentre fuori andavano in scena le solite manifestazioni di protesta (una di Forza Nuova e una della Lega Nord), Tosi si è rivolto direttamente al ministro porgendole le scuse, sue ma non solo, per le offese che le erano state rivolte da alcuni esponenti leghisti e che avevano indotto lo stesso ministro a declinare l'invito a una festa del Carroccio. "Le porgo le mie scuse - ha detto - se qualcuno della mia parte politica l'ha offesa e se qualcuno non le ha fatte, fermo restando che in democrazia si possono avere idee diverse, ma il rispetto come ministro e soprattutto come persona e come donna è una cosa dovuta". 

Da parte sua il ministro Kyenge, ha "ringraziato il sindaco per le sue parole", ribadendo, a margine dell'appuntamento, le posizioni già espresse sull'argomento. "Dialogo con tutti - ha detto -. L'importante, e l'ho messo in chiaro fin dall'inizio, è che ci sia rispetto per la persona. E quando si verificheranno queste condizioni credo che non ci sia alcun problema a confrontarmi". "Credo - ha aggiunto il ministro - che ogni partito politico, ogni gruppo, porta avanti le proprie idee, il proprio modo di fare politica. Ma credo che fare politica vuol dire andare verso il dialogo e non verso la contrapposizione che a volte può essere sterile". 

Tosi ha provato a smorzare i toni: "Tra il segretario Roberto Maroni e il ministro Cecile Kyenge non c'è stata una polemica aspra. C'è stato qualcuno che nella Lega Nord, in maniera stupida, ha sbagliato insultando il ministro. E la Lega ha preso provvedimenti". Ha quindi auspicato un confronto "sui contenuti", che eviti "polemiche inutili che tanto non servono a nulla né agli italiani, né agli stranieri, né al Paese". "Il messaggio del sindaco di Verona Flavio Tosi ha la sua importanza - ha affermato il ministro in serata - ma sappiamo anche che importanza ha il messaggio di un leader politico, di un partito politico". Ha poi ricordato di aver subito "tre mesi di attacchi" e che per questo aveva chiesto un'azione al segretario della Lega, Roberto Maroni, "al leader, al capo della Lega, per porgli fine, per smarcare anche tutte le persone che negli ultimi tempi" l'hanno bersagliata con offese. "'Il messaggio non è arrivato e quindi - ha ricordato - ho lasciato una sedia vuota all'iniziativa della Lega". "E' vero - ha concluso - io aspettavo una dichiarazione di Maroni. E non sarà più una dichiarazione che aspetto io, ma che il Paese aspetta". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    06 Agosto 2013 - 11:11

    Provate a chiedere a Sodomia e Libertà....Partito da fare sparire al più presto.E' pericoloso per la Nazione.

    Report

    Rispondi

  • plinio72

    06 Agosto 2013 - 09:09

    ma questa immigrazione al paese serve? o dimostra solo che i grandi poteri non vogliono una nazione unita e coesama divisa culturlamente per poter fare i loro comidi?; sono due attori in questi giochi? se Maroni dovesse cedere alle prossime elezioni potrebbe sparire dalla scena politica

    Report

    Rispondi

  • ilsaturato

    06 Agosto 2013 - 08:08

    ...Per ogni cittadino equo-solidale-democratico che si registra (e paga), una "preziosa risorsa" verrà accolta in Italia.... Per tutti gli altri, NO sbarco-ingresso e/o immediata espulsione. Non so perché, ma in questo modo penso che potremo agevolmente gestire le 18-20 "preziose risorse" delle quali si faranno carico altrettanti magnifici equi-solidali-progressisti-democratici. Siamo sempre tutti così generosi col portafoglio degli altri.... I rossi, poi, appena gli tocchi la tasca sono pronti a sputare sulla tomba di Lenin, sulle fotografie di Boldrini, Kyenge, Vendola e compagni e defilarsi-zittirsi alla velocità della luce! "jus soli"? NO! Magari "jus gladii (il diritto di imporre quanto deciso), "jus gentium" (giustizia che si applica anche agli stranieri", "jus utendi fruendi et abutendi" (il diritto del proprietario di usare dei propri beni nel modo che egli preferisca), "jus possessionis" (il diritto di mantenere il possesso dei propri beni), ecc...

    Report

    Rispondi

  • ilsaturato

    06 Agosto 2013 - 08:08

    ...e si affermi quel clima reale di pericolo e minaccia che tutti noi ormai proviamo dentro e fuori le nostre case. Ci sono brave personcine (perché io e tantissimi altri, per loro, siamo brutti e cattivi...) che vogliono aggiungere questa enorme voce di spesa e sono contente di vivere da braccati nelle strade? Ok, che almeno se ne assumano l'onore in toto. Ogni comune d'Italia dovrebbe aprire un dipartimento dedicato a questi bravissimi equi-solidali-paladini dell'accoglienza dove presentarsi, registrare le proprie generalità e autorizzare un prelievo aggiuntivo dai loro redditi (potrebbe essere chiamata, che ne so... "tassa dell'accoglienza solidale fatta col proprio portafoglio e non con quello degli altri") di circa 8mila Euro all'anno, per coprire almeno una parte di quanto ci costa all'anno ogni "preziosa risorsa" che sbarca sulle nostre coste (comprese quelle che andiamo a prenderci direttamente nelle acque territoriali di Libia, Tunisia, ecc...)...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog