Cerca

Virus

Porro: "In tv la lite giova al Pdl, ma fuori faranno pace"

Contrordine: il talk politico (grazie ai casini azzurri) ricomincia a tirare

Nicola Porro

Nicola Porro

Contrordine: il talk politico (grazie ai casini del Pdl) ricomincia a tirare. Concetto lavoisieriano: in tv nulla si crea e nul- la si distrugge, ma si trasforma sulle curve d’ascolto.

Prendiamo te, Nicola Porro, conduttore di Virus - il contagio delle idee. Facevi un bruttarello 2-4% di share su Raidue. Spo- stato al venerdì e con gli scazzi falchi-co- lombe sei salito al 5,2%, punte dell’8%...
«C’è un indubbio effetto curiosità per i fat- ti berlusconiani. Dopo la vicenda della fi- ducia a Letta, secondo i sondaggi Ghisleri da noi pubblicati, c’è stato un aumento dell’interesse di voto nel Pdl. Paradossal- mente questo scontro ha fatto bene agli elettori di centrodestra...».

Ma Berlusconi decapiterà la dirigenza dei falchi come vorrebbe Alfano? E, soprattut- to dopo Berlusconi (perché, umanamente ci sarà pure un «dopo») il partito reggerà?
«Io credo che Berlusconi non taglierà teste, anzi manterrà l’unità dei suoi; l’ha fatto per anni con Dc, socialisti e liberali, lo farà anche oggi. Tutto dipende da quanta agibilità effettiva avrà con l’affidamento ai servizi sociali. Lo snodo è tutto lì: se riesce a dirigere da fuori ok, sennò il partito implode. E questo per l’altra domanda».

Quindi nessuna «defalchizzazione»?
«Ma no. Piuttosto bisognerà vedere se, ora che la linea è chiara, Letta opterà davvero per le riforme o si vivaccherà su un taglio all’Iva qui, uno all’Imu qua, l’arte solita del rinvio, insomma».

Torniamo ai talk show politici. Per me ce n’è da overdose.
«Anche per me».

E girano sempre le stesse facce.
«Anche per me».

Una cosa su cui non sei d’accordo...
«... Però, se noti, noi cerchiamo di mettere gli imprenditori con una storia, i cronisti economici giovani. E le “stesse facce” da noi non fanno rissa, articolano i discorsi, e così la cosa funziona; non è un caso se l’altra sera l’analisi pacata di Belpietro abbia fatto il picco. Girano sempre le solite 70 persone, ma se mi fai un elenco di 10 nuo- vi volti che dicono cose intelligenti, giuro: le prendo in considerazione».

Insisto:i tuoi autori, che sono della scuola Giovanni Minoli (che ritiene morto il talk da anni) al vociare dei politici non ci credono; infatti la prima parte del programma è un po’ sfilacciata. Mentre, per gli stessi motivi minoliani, la seconda che prevede il faccia-a-faccia con il finanziere, l’industriale fila benissimo. Condivi?
«Condivido. Però due serate in prima se- rata, a costi oramai ridottissimi, come li copri? L’ idea è che non ha senso fare quello che fanno gli altri. Da qui l’intuizione di prendere quelli di cui parlano il Sole24Ore o Milano Finanza e farli conoscere dal punto di vista umano e non solo finanziario. Ammetterai che Illy, illuminato di sinistra che sui sindacati e il lavoro dice cose di destrissima, è un taglio diverso...». Una volta ci si lamentava che non c’era conduttori di centrodestra. Ma tra te , Cruciani, il primo Paragone, ecc..non mi pare ci si possa lamentare più, o no? «Il punto non è trovare i conduttori, ma trovare una squadra di autori liberali: qualcuno che ammetta che per la Tav ci sono dei problemi e ci faccia sopra un pezzo di denuncia vera.. La destra non ha curato una scuola di veri liberali televisivi, fare un programma non è come scrivere un editoriale».

Sarà che di liberali veri sarete in cinque...
«Forse. Eppure la mia puntata più bella ri- mane quella politicamente scorretta sulla Val di Susa e sul caso Riva, tutt’altro che chiaro. Certo, avevamo contro Montalba- no, ma abbiamo fatto il 3%».

Appunto. Siete (siamo) in cinque...
«L’idea è quella di allargarsi,a detta del direttore di Raidue Teodoli e del direttore generale Gubitosi. Si continua».

di Francesco Specchia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • violacea

    06 Ottobre 2013 - 21:09

    seguo dall'inizio questo talk politico e lo trovo molto,interessante, corretto e in sintesi di par-condicio!! non come ballarò! che balla sempre da una parte sola!! trovo poi very interesting, l'intervista di finale, ai top managers che dà un valore alla trasmissione!! avanti tutta e complimenti a Porro come conduttore e giornalista!!

    Report

    Rispondi

blog