Cerca

Ritratti

"Bambolotto", "telecomandato", ed è solo l'antipasto perché poi..: Di Maio ridicolizzato da Alan Friedman

13 Febbraio 2018

1
"Bambolotto", "telecomandato", ed è solo l'antipasto perché poi..: Di Maio ridicolizzato da Alan Friedman

E' un ritratto agrodolce quello che Alan Friedman dedica a Luigi Di Maio. Inizia con il tessere le sue lodi, oggi su La Stampa, ma alla fine lo massacra. Nel 2010 al consiglio comunale non fu eletto perché prese solo 59 voti. "Poi, tre anni dopo, abracadabra, entra in Parlamento, viene eletto vicepresidente della Camera, diventa il dirigente più importante del suo partito, e oggi è candidato premier.
Bravo. Una carriera supersonica", scrive il giornalista americano.

"Nella campagna elettorale in corso, Di Maio incarna il grillino moderato, confortante, rassicurante. Si presenta bene, cerca di parlare bene. È un bravo ragazzo con il viso pulito", continua Friedman che cita poi Jacopo Iacoboni, che di recente ha pubblicato un libro di inchiesta sul M5S, L' Esperimento.  Per lui Di Maio è "un politico quintessenzialmente democristiano" e "poi una totale creatura della Casaleggio e Associati". Friedman definisce questi termini "severi", ma ammette: "E' vero, talvolta Di Maio sembra un bambolotto, un robot telecomandato". "Ma credo che quest' uomo stia oramai sviluppando la propria identità come leader", aggiunge. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolo.papo

    13 Febbraio 2018 - 18:06

    Vedete la coerenza oggi è un suppellettile inutile di cui si può evidentemente fare a meno. Il sig. Friedman va bene quando attacca un grillino e va male quando attacca uno del c.d. centro destra. Mah..

    Report

    Rispondi

media