Cerca

Parla l'esperto

Giorgio Napolitano, il malore all'aorta. Il professore e l'inquietante analisi: "Una questione di minuti"

25 Aprile 2018

5
Giorgio Napolitano, il malore all'aorta. Il professore e l'inquietante analisi: "Una questione di minuti"

Un malore gravissimo, potenzialmente mortale. Giorgio Napolitano è rimasto vittima della dissecazione dell'aorta: operato d'urgenza al San Camillo di Roma dal professor Musumeci, l'ex presidente della Repubblica ora è in condizioni stabili, in terapia intensiva. È il professor Antonio Rebuzzi, responsabile del reparto di Cardiologia intensiva del Policlinico Gemelli di Roma, a spiegare nel dettaglio al Corriere della Sera l'entità della patologia: "La parete dell'aorta è fatta di tre strati: uno interno, a contatto con il sangue, uno medio, composto da un tessuto elastico e il terzo più esterno. La dissecazione si verifica quando si crea una fessura nel tessuto interno".

Quando si rompe, il sangue entra nello strato medio e distrugge il tessuto elastico. Le conseguenze sono devastanti: "Dall'aorta partono le arterie che vanno in tutto il corpo: dal cervello allo stomaco fino ai reni. Se non affluisce regolarmente il sangue, c'è il rischio che la dissecazione provochi la chiusura di altre arterie causando, ad esempio, problemi gravissimi come un ictus o una insufficienza renale. Comunque si determina un danno molto grave". In questi casi "anche i minuti sono fondamentali. La dissecazione deve essere subito trattata in sala operatoria e deve essere tamponata nel più breve tempo possibile. Più va avanti la dissecazione e più danni gravi fa perché coinvolge più organi che sono molto importanti". A pesare, spiega il professor Rebuzzi, sono l'età (Napolitano ha 92 anni), l'ipertensione (pressione alta), l'aterosclerosi (la formazione di grasso nelle arterie) e ogni situazione che causa l'aumento della pressione arteriosa".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Falcesenzamarte

    25 Aprile 2018 - 13:01

    Muore la pecora con l'agnello,muore il bue e l'asinello,muore la gente piena di guai ma i rompicoglioni non muoiono mai.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    25 Aprile 2018 - 13:01

    I medici sono stati molto bravi

    Report

    Rispondi

  • orione43

    25 Aprile 2018 - 12:12

    Mio Dio sono talmente sconvolto dalla notizia che quasi quasi mi taglio le vene !!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media