Cerca

Beghe democratiche

Fassina a Renzi: "Sei come Berlusconi"
E il Cavaliere applaude il sindaco:
"Sei il migliore, ti batto solo io"

Matteo Renzi

Matteo Renzi

"Matteo è come Berlusconi alla fine del governo Monti". Stefano Fassina si toglie qualche sassolino dalla scarpa nell'intervista rilasciata al Corriere della Sera: parla di "ambiguità" della segreteria del Pd targata Renzi, di "caricature distruttive da campagna pre elettorale", di "deriva pericolosa". Fassina rimprovera il sindaco di Firenze che lo ha portato alle dimissioni che "in questi mesi la fatica morale e politica di stare al governo è stata molto elevata. Da una parte c'era chi si prendeva tutta la responsabilità di stare al governo e dall'alatra chi invece faceva campagna elettorale sulla pelle del governo. Si è visto con la legge di Stabilità". "Un segretario che ha avuto un consenso così ampio", insiste il viceministro,  "deve imparare ad ascoltare. Altrimenti si rischia una deriva davvero pericolosa".

Tra i tanti messaggi di solidarietà che ha ricevuto, e Fassina se ne vanta nell'intervista citando i casi di esponenti di Forza Italia, non c'è quello di Silvio Berlusconi. Il Cavaliere si è schierato questa volta dalla parte di Renzi. Chi lo ha sentito, rivela il Corriere della Sera, racconta che il leader azzurro sia rimasto impressionato dai modi e dalle argomentazioni con cui il sindaco di Firenze è tornato sull'episodio che ha provocato le dimissioni del viceministro difendendo la propria posizione. "Sta nelle cose, è chiaro, non ricorre a gesti da teatrino della politica. E' davvero un avversario temibile". E ancora: "E' moderno, non è un politico tradizionale, è brillante, telegenico, ha la battuta pronta, usa un linguaggio comprensibile alla gente", avrebbe il leader azzurro secondo il retroscena del Corsera. Il neo segretario del Pd, dice Berlusconi "è insomma un avversario temibile, da non sottovalutare. Purtroppo solo io potrei batterlo". 

Il rammarico del Cav, convinto che l'incidente Fassina apra di fatto la campagna elettorale, è di non poter essere lui a sfidarlo nell'agone politico, per le note vicende giudiziarie che lo vedono protagonista. "Io saprei come sfruttare il suo punto debole", ragiona Berlusconi. "In un confronto diretto gli domanderei: "Matteo, prima di fare politica cosa hai fatto? Che cosa hai realizzato?". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlo58

    06 Gennaio 2014 - 23:11

    solo gli idioti e politici di professione pensano che si debba governare in modo collegiale. ma fatemi il piacere. il collegio è buono solo per nascondere e nascondersi. se sei solo o funzioni o vai a casa. alla faccia dei compagni che credevano nel dolce stil novo. questo qua vi massacra.

    Report

    Rispondi

  • numetutelare

    06 Gennaio 2014 - 23:11

    Qualcuno a sinistra sta cominciando a capire che Renzi, comunque lo si giudichi, é attualmente il miglior diversivo in campo per Berlusconi. Una specie di Ebola che ha una estrema virulenza, fa fuori quelli che lo frequentano e, quasi sempre, esaurisce la sua parabola in tempi contenuti, quindi tenendolo a relativa distanza lo affronta al momento giusto e ad efficacia relativamente provata. Chi sarebbe il Machiavelli in questo caso?

    Report

    Rispondi

  • petergreci

    06 Gennaio 2014 - 18:06

    Vuoto politico mascherato da nuovismo. Di originale??? Per il momento nulla. Con le primarie aperte a chi non si riconosce nella sinistra ha avuto la meglio. Quando si andrà a votare il Matteuccio avrà brutte sorprese. Gli elettori senza idee oggi votano Renzi domani un altro bischero qualsiasi....chi non ha un modello di società a cui ispirarsi si attacca all'imbonitore di turno: Berlusconi, Renzi...

    Report

    Rispondi

  • ulisse di bartolomei

    06 Gennaio 2014 - 12:12

    quasi un miracolo, considerato che la sinistra bersaniana e antenati (auguri Bersani, qui parliamo di politica ma la salute è una cosa seria) ha sempre lavorato per affossare i governi non suoi, per favorire l'ascesa del "comunismo genuino"! Condivido con il Cavaliere che Matteo è da temere ma per noi gente comune rappresenta un miglioramento dello spettacolo politico italiano, caratterizzato sino a ieri da un brillante e parecchio incompreso Silvio e colonnelli e una deprimente schiera di "bicchieri mezzo vuoto", "cinici all'osso", "adoratori e confidanti della democrazia magistratica", ecc... Comunque vada, perlomeno adesso ci godiamo due godibili comprimari e non è poco!

    Report

    Rispondi

blog