Cerca

Mister 25 Poltrone

La laurea falsa di Mastrapasqua

Il numero uno dell'Inps negli anni Novanta fu condannato a 10 mesi di carcere per aver comprato, con la complicità di alcuni bidelli, esami universitari mai sostenuti

Antonio Mastrapasqua

Antonio Mastrapasqua

Il presidente dell'Inps Antonio Mastrapasqua ha rassegnato le proprie dimissioni al ministero del Lavoro. Mister 25 Poltrone è stato travolto negli ultimi giorni dall'inchiesta sui rimborsi truccati all'Ospedale Israelitico di Roma di cui è direttore generale, dalla polemica sulle sue cariche e, ultima bordata, la laurea falsa di cui ha scritto Giacomo Amadori su Libero in edicola sabato 1 febbraio. Di seguito, ecco l'articolo di Amadori.

 

La laurea in Economia e commercio conseguita nel 1984 da  Antonio Mastrapasqua, presidente dell’Istituto nazionale della previdenza sociale (Inps) e molte altre cose ancora, è falsa. O almeno è stata ritenuta tale dalla giustizia italiana. E per questo annullata. Per chi non lo ricordasse, Mastrapasqua, 54 anni, è da qualche giorno sulle prime pagine dei quotidiani per un’altra vicenda giudiziaria, un’inchiesta che lo coinvolge in quanto direttore generale dell’ospedale israelitico di Roma. I pm lo hanno indagato per truffa ai danni dello Stato (più precisamente della Regione Lazio con cui ha  una convenzione)  per rimborsi sanitari gonfiati. Inoltre giornali e detrattori  gli contestano di collezionare troppi incarichi: il Fatto quotidiano ne ha contati addirittura 25, anche se l’interessato ha spiegato che non sono stati ricoperti contemporaneamente. 

Torniamo alla laurea farlocca, partendo dall’ultimo atto della vicenda giudiziaria: il 4 aprile 1997 la Prima sezione penale della Corte suprema di Cassazione, presieduta da Giulio Carlucci, conferma definitivamente la pena a dieci mesi di reclusione per Mastrapasqua decisa dalla Corte d’Appello con queste parole: «È ben configurabile il delitto di falsità ideologica in relazione alla fattispecie riguardante il non veridico contenuto del verbale di esame di laurea e il rilascio del diploma di laurea, contenenti l’approvazione del candidato e la proclamazione di “dottore”». 

I giudici lo condannano pure a pagare le spese processuali e un milione di lire per la cassa delle ammende. Il 18 giugno del 1996 il collegio di secondo grado era stato durissimo: «Mastrapasqua censura la genericità degli elementi di prova raccolti nei suoi confronti, si deve rilevare invece che i primi giudici hanno analiticamente indicato i fatti posti a sostegno dell’affermazione di responsabilità. Risulta incontrovertibilmente che l’appellante non ha sostenuto alcuni esami perché le firme sui verbali degli stessi non sono degli esaminatori. Nonostante ciò Mastrapasqua ha presentato domanda per sostenere l’esame di laurea e ha conseguito il relativo diploma». La vicenda esplode nel 1985 quando viene arrestato uno studente di Economia, F. M., nell’ambito di un’inchiesta su un presunto commercio di esami universitari e in particolare quelli di Istituzioni di diritto privato e Diritto commerciale. A gestire il mercato sarebbero tre bidelli e un’impiegata. 

Le indagini interne erano partite a gennaio di quello stesso anno per le voci insistenti raccolte dal rettore Ernesto Chiacchierini riguardo la possibilità di «comprare alcuni degli esami più difficili». Inizialmente vengono individuati 18 studenti che avevano denunciato lo smarrimento del libretto dopo aver dato l’esame di Diritto privato. Tra questi Mastrapasqua. Qualcuno confessa e l’inchiesta si allarga, portando all’iscrizione sul registro degli indagati di centinaia di studenti. Il primo procedimento ad arrivare a sentenza è quello che riguarda Mastrapasqua  e un’altra ventina di imputati. Il futuro presidente dell’Inps il 21 giugno 1989, su richiesta del pm Sante Spinaci, viene condannato a 2 anni e dieci mesi per falsità ideologica, falso materiale e corruzione. Gli esami che inizialmente gli vengono contestati sono Diritto privato, Diritto della navigazione e Tecnica industriale e commerciale. 

Le date - Ma per quest’ultimo i giudici non ritengono sufficienti le prove anche se Mastrapasqua nel curriculum datato 19 febbraio 1983 aveva inserito l’esame tra quelli «da sostenere», mentre «invece è datato 30 aprile 1982» scrivono i magistrati. Alla fine a incastrare il grand-commis sono gli altri due esami, «in relazione ai quali», aggiungono le toghe, «anche se la chiamata di correità di E.P. (uno dei bidelli, ndr) è generica, è stata accertata la falsità attraverso il disconoscimento degli statini da parte dei docenti e il confronto tra il numero di tali statini e i numeri dei verbali di esami falsi riguardanti» altri studenti. Lo scoglio più duro, Istituzioni di diritto privato, viene, falsamente secondo i giudici, superato il 28 giugno 1982.  

A questo punto della sentenza, a pagina 233, i magistrati inchiodano lo studente alle sue responsabilità: «Mastrapasqua ha allegato alla domanda di ammissione all’esame di laurea la dichiarazione falsa di superamento degli esami di profitto del corso, comprensiva di detti esami, datata 26 settembre 1984 e da lui sottoscritta, riuscendo così, avvalendosi anche delle falsificazioni del curriculum, a conseguire, con l’inganno, quella laurea per la quale ha richiesto il rilascio del diploma il 26 novembre 1984. Il Mastrapasqua va per tanto condannato in relazione agli esami di Istituzioni di diritto privato e di diritto della navigazione per i reati di falso materiale (limitatamente alla falsificazione di verbali e statini), corruzione e falsità ideologica». La pena viene stimata in 2 anni, 10 mesi, 15 giorni di reclusione e un milione e trecentomila lire di multa. Otto anni dopo la Cassazione riduce la condanna a dieci mesi per il solo reato di falsità ideologica (laurea ottenuta con l’inganno). Per questo potrebbe far sorridere qualcuno che il 28 ottobre 2013 preso la Facoltà di Economia e commercio della Sapienza di Roma Mastrapasqua sia stato premiato dalla sua vecchia università con il premio «Best in class» per l’anno accademico 2013-2014, istituito per «valorizzare l’impegno e la carriera» degli ex studenti che si sono «maggiormente distinti nelle attività professionali». In realtà (vedere intervista a fianco) Mastrapasqua, nelle more del processo, si è rilaureato, con un piano di studi diverso. Dal sito dell’Inps apprendiamo che ha scelto un indirizzo economico-aziendale e che ha preparato una tesi di Matematica finanziaria ed economica dal titolo «Aspetti matematici ed economici dei fondi pensioni». Scopriamo pure che «è iscritto all’ordine dei dottori Commercialisti di Roma e al registro dei Revisori contabili».  Internet, però, non ci dice in che anno sia stata conseguita la laurea. Una decina d’anni dopo la condanna Mastrapasqua ha chiesto e ottenuto la riabilitazione. 

Non solo Antonio - Ma chi erano i compagni di processo del presidente dell’Inps? Il signor C. L. T., fiscalista di Frosinone, accetta di raccontare la sua vicenda in cambio della garanzia di anonimato: «Abbiamo fatto una cretinata per sbrigarci. L’università annullò le lauree di noi condannati. Io ho risostenuto i cinque esami che i magistrati ritenevano non validi e ho ridato anche la tesi. Nel 1993, prima della sentenza definitiva, mi sono iscritto all’albo dei dottori commercialisti». C’è poi P. A. il cui ricorso venne ritenuto inammissibile insieme a quello di Mastrapasqua. Lui non si è mai più laureato e, da imprenditore, è stato condannato a tre anni e sei mesi di carcere per il crac dell’azienda di famiglia. L’ultima parola la offriamo all’avvocato Antonio Capitella, difensore di E. P., uno dei bidelli al centro dell’inchiesta: «Quei processi li hanno imbastiti e proseguiti per annullare le lauree, visto che le pene sono state quasi tutte inferiori ai due anni e poi sospese. In molti casi era già intervenuta la prescrizione. Però il mio assistito mi ha rivelato che una parte di questa storia non è mai stata raccontata: Mastrapasqua non era il solo vip coinvolto. C’erano anche imprenditori che oggi stanno sulle prime pagine dei giornali». Questi personaggi non sono stati coinvolti nelle indagini? «No, perché il mio cliente non li ha denunciati ai magistrati. Ma quei nomi non li faremo mai. In Italia non serve fare gli eroi». E la caccia ai falsi laureati continua.

di Giacomo Amadori

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francesco celea

    25 Ottobre 2015 - 20:08

    e malgrado la sua condanna e' riuscito ad essere quello che era un supermanager di stato......chi erano i suoi complici??? chi gli ha permesso questo..? come e' stato possibile tutto cio'? se fossero serie le indagini dovrebbero andare i galera molti personaggi nell'ombra...le solite lobby di gangster.....VERGOGNA

    Report

    Rispondi

    • kellie1

      28 Ottobre 2015 - 14:02

      I suoi complici saranno personaggi politici di cui non si fa il nome e che hanno/avrebbero tutto da perdere se lo facessero ora.Quindi il Mastrapasqua tace e probabilmente li tiene in,come dire,pugno????

      Report

      Rispondi

  • mgvitale

    23 Ottobre 2015 - 03:03

    Pure lui ha rubato la laurea. Ed è diventato il mangiacariche e il mangiaeuro per eccellenza. In galera, no?

    Report

    Rispondi

  • giovsim

    03 Febbraio 2014 - 21:09

    Spero che ci sia più di un magistrato pronto ad indagare su tutti gli imbrogli imbastiti dal Mastrapasqua e che lo rinviino a giudizio insieme a tutti i suoi sicuri complici!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

    • veliabevilacqua

      20 Settembre 2014 - 13:01

      non ne parla più nessuno !! sono tutti complici!!!! vaff............

      Report

      Rispondi

  • ego1

    03 Febbraio 2014 - 12:12

    possono accadere simili cose. Questo signore, già avvezzo a imbrogli, con un precedente del genere viene nominato presidente dell'INPS e gratificato con mille altri incarichi!!! Giusto sarebbe perseguire anche gli artefici di una simile carriera.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti