Cerca

Schiaffone di Alfano a Mario

Pdl sfida Monti: domani legge
per compensazione crediti-tasse

Le aziende potranno non pagare le tasse fino all'ammontare dei crediti con lo Stato. Sabato il premier aveva duramente criticato l'idea

Aveva espresso "sdegno", presidente del consiglio Mario Monti. Per la proposta del segretario del Pdl nagelino Alfano, il quale venerdì aveva proposto una compensazione tra crediti (dello Stato) e tasse (da pagare) per le aziende. "Presenteremo un disegno di legge che permetta alle aziende che hanno crediti con la pubblica amministrazione di non pagare le tasse fino all'ammontare di quel credito" aveva detto l'ex ministro della giustizia. Chiaro l'intento di andare incontro alle aziende in crisi, a volte anche per i tempi biblici con cui lo Stato e le amministrazioni locali pagano per prestazioni e servizi. "Chi ha governato, chi governa e chi si candida a governare non può giustificare l’evasione fiscale, nè tanto meno istigare a non pagare le tasse, o a istituire personali ed arbitrarie compensazioni fra crediti e debiti verso lo Stato" era stata la replica secca di Monti, sabato, nel corso della conferenza stampa sulla spending review a Palazzo Chigi. Oggi, però, Alfano, ha annunciato che il Pdl tirerà dritto: il disegno di legge sarà infatti presentato domani presso la sede romana del Popolo della libertà in via Dell'Umiltà.

roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    06 Maggio 2012 - 19:07

    Si rompe all'interno e la spina e' sempre attaccata, salvo che chi l'ha proposto scompare per sempre.Berlusconi ed Alfano si illudono di avere potere assoluto (in cambio di collegi sicuri), Pisanu ha già detto che non obbedirebbe e con lui una sua schiera; persino Scajola ha detto che non stacca alcuna spina; poi ci sono quelli che sanno dell'inutilità di ricandidarsi in feudi rossi... E' manovra elettorale della disperazione da compatire.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    06 Maggio 2012 - 18:06

    Fonty, non é Monti che deve temere ma Berlusconi. E poi, se si fa la legge, occorre indicare la copertura. Qual'é il fallimento del paese?

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    04 Maggio 2012 - 18:06

    tanto, se anche chiedessero di procedere contro Monti (membro del Parlamento, essendo Senatore) PDL e LEGA voterebbero contro l'autorizzazione a procedere come han fatto con tutti gli altri, quelli sì, mariuoli veri. Ma vedi un po' te, cosa bisogna leggere!!!

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    04 Maggio 2012 - 12:12

    Sicchè per Monti e ciurmaglia professorale al seguito non è proprio possibile conguagliare il credito delle aziende verso lo stato con le tasse, cosa che grida vendetta alla costituzione, al buon senso e alla giustizia fiscale, nonchè alla tanto sbandierata e mistificatoria equità di questo sgangherato governo. Forse ci sta anche il reato di abuso d'uffico, la magistratura così solerte con il precedente governo e l'inquilino del colle stanno silenti. Forse tutti pensano che la miglior soluzione alternativa sia il suicido degli imprenditori loro malgrado coinvolti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog