Cerca

Elezioni

Napolitano: Grillo, nessun boom

Il capo dello Stato: l'unico boom che conosco è quello degli Anni Sessanta

Napolitano: Grillo, nessun boom

Giorgio Napolitano a gamba tesa contro Beppe Grillo. Il giorno dopo le elezioni amministrative, mentre tutti parlano del successo indiscutibile del Movimento Cinque Stelle che ha portato a casa risultati sorprendenti,  il capo dello Stato frena e dice: "Nessun boom, di boom ricordo solo quello degli anni Sessanta, di altri non ne vedo". Ovvio che il presidente abbia risposto piccato, dopo i tanti interventi del comico e blogger genovese che gli imputava gran parte della responsabilità del disastro-Monti. E non deve sorprendere che non si sia accorto del boom grillino: cinquant'anni, sempre lui, non "vide" i carri armati sovietici che scorrazzavano per Budapest; e poche settimane fa sempre lui non vedeva segnali di difficoltà mentre gli italiani in preda alla disperazione si gettavano dalla finestra.

Il capo dello Stato ha poi rivolto un consiglio rivolto ai partiti: le elezioni devono rappresentare motivo di riflessione per le forze politiche e per i cittadini sui rapporti con la politica e sui problemi di governabilità oggi a livello locale ma che si pongono, come vediamo in Europa, a livello nazionale in diversi Paesi”. Lasciando la mostra "150 dedicati al futuro" di Poste Italiane, Giorgio Napolitano ha poi aggiunto che "una volta le elezioni amministrative avevano un rilievo essenzialmente locale anche se questo era vero fino a un certo punto. Abbiamo avuto un test piuttosto circoscritto, anche perché il numero degli eletti chiamati a votare non è stato grandissimo". 

La replica di Grillo  La risposta di Beppe Grillo è arrivata dopo qualche ora. "L'anno  prossimo si terranno le elezioni politiche - prosegue Grillo - e, subito dopo, sarà nominato il successore di Napolitano, che potrà godersi il meritato riposo. Se il MoVimento 5 Stelle farà boom (come quello dei favolosi anni '60), il prossimo presidente non sarà un’emanazione dei partiti, come la Bonino, e neppure delle banche, come Rigor Montis. I giochi per il Quirinale sono in corso da tempo. Si sono già venduti la pelle degli italiani".   Secondo il comico genovese, il Quirinale "rappresenta anche il MoVimento Stelle e anche, dopo queste elezioni, i suoi circa 250 consiglieri comunali e regionali scelti dai cittadini. Il boom del M5S non si vede, ma si sente". E conclude: "Boom, boom, Napolitano!"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • quidam60

    09 Maggio 2012 - 11:11

    Ho avuto già modo, tramite il Vs. giornale, di commentare le esternazioni del Vostro Presidente, io non mi ci riconosco e, purtroppo nulla è cambiato. Giorgio Napolitano si conferma un emerito pezzo di m...a!

    Report

    Rispondi

  • Beppe.demilio

    09 Maggio 2012 - 06:06

    Napolitano seguita a dare seganali di instabilità mentale! Grillo per ora esiste e i numeri dicono esattamente il contrario di quello che sostiene lui!Napolitano deve andarsene perchè ha tradito la costituzione dando al paese un governo di banchieri illeggittimo a antidemocartico togliendo e impedendo il diritto al voto come prevede la costituzione tanto cara a lui ma dimenticata per sua volontà! Napolitano-Monti se ne devono andare!!

    Report

    Rispondi

  • criticone

    09 Maggio 2012 - 05:05

    ad una certa età la memoria vien meno e l'arteriosclerosi avanza.e' arrivato il momento di tornare al paesello.mi verrebbe da scrivere altro ma rispetto solo l'età e qui mi fermo.

    Report

    Rispondi

  • Arsenio65

    09 Maggio 2012 - 00:12

    Smettete di chiamare Grillo il "comico genovese" quando si fa riferimento al movimento 5 stelle, i comici sono altri......

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog