Cerca

La scelta di beppe

Grillo vieta i talk show ai suoi: "In tv perdiamo credibilità"

Il leader del Movimento 5 Stelle ammonisce: "Andare in televisione ci fa perdere voti. Non dobbiamo omologarci con le vecchie mummie"

Grillo vieta i talk show ai suoi: "In tv perdiamo credibilità"

Dopo il grande risultato delle urne, Beppe Grillo affila le armi in vista dei ballottaggi e detta le linee guida per i suoi candidati. Un post, pubblicato nel suo blog, suona come un ammonimento ma anche come un ordine da eseguire alla lettera. "Partecipare ai programmi tv fa perdere voti e credibilità all'intero movimento", ha scritto il comico genovese. "Chi partecipa ai talk show deve sapere che d’ora in poi farà una scelta di campo". Il riferimento è senz'altro alla presenza di Federico Pizzarotti (candidato a Parma) e Nicola Fuggetta (candidato a Monza) nel programma di Lilli Gruber su La7 e di Paolo Putti (estromesso dal ballottaggio a Genova per un punto) ospite a Ballarò. 

Un diktat netto - I tre esponenti grillini sono avvisati. "Se il Movimento 5 Stelle avesse scelto la televisione per affermarsi, oggi sarebbe allo zero qualcosa per cento. Partecipare ai talk show fa perdere voti e credibilità non solo ai presenti, ma all’intero Movimento". La linea tracciata dal leader è chiara: "Nei talk show il dibattito avviene con conduttori di lungo corso e con le mummie solidificate dei partiti. C’è l’omologazione con il passato. Che senso ha confrontarsi con Veltroni o con Gasparri in prima serata? Più che spiegarlo e ribadirlo non posso fare". Insomma un messaggio che sembra ammettere poche repliche. 

Putti reagisce - Questa mattina Paolo Putti ha replicato a Omnibus: "Grillo non è un leader ma una persona che ha messo a disposizione risorse e intuizioni e che fa da megafono al Movimento nelle città e in rete. Nel Movimento esiste uno staff formato anche da tecnici, professori universitari, professionisti, docenti, che discute dei contenuti e poi Grillo fa da megafono in rete usando anche delle provocazioni".

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paco1492

    10 Maggio 2012 - 21:09

    Se le tv non avessero parlato di Grillo e del suo movimento, quattro gatti avrebbero saputo della sua esistenza

    Report

    Rispondi

  • micael44

    10 Maggio 2012 - 17:05

    Se i grillini parlassero in televisione non solo perderebbero credibilità, ma anche punti! Non per quello che pensa Grillo, ma perchè non li capirebbe nessuno!!

    Report

    Rispondi

  • tanyaes

    10 Maggio 2012 - 12:12

    Grillo conosce bene la televisione e la furbizia dei conduttori che ad hoc ti tolgono la parola mentre stai parlando, ti passano davanti, ti parlano sopra perchè nessuno capisca bene quel che si dice. La tv più come censura selettiva che come strumento di comunicazione. Bisogna essere molto sgamati per evitare le trappole dei conduttori e Grillo fa bene a dare queste indicazioni. Del resto il suo movimento è cresciuto senza tv e questo dimostra che si può fare a meno della stessa.

    Report

    Rispondi

  • caramella53

    10 Maggio 2012 - 10:10

    mettersi a discutere nelle varie trasmissioni televisive è controproducente. I lor signori hanno fatto delle parole il loro punto di forza, con i paroloni hanno addormentato gli italiani e noi non dobbiamo scendere al loro livello. Grillo ha ragione, è per le strade che si fa politica con il confronto diretto con la gente e non in TV dove purtroppo riescono a farti dire cosa vogliono perchè loro ormai con le parole ci campano hanno avuto anni e anni per imparare come si fa, parlare tanto per poi non dire nulla.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog