Cerca

Il mito celodurista è salvo

Riccardo Bossi non usa viagra. Resta da capire se è uno scroccone

Il figlio di Umberto giura: faccio a meno dei farmaci. Però non chiarisce se Belsito gli pagasse altre spese personali coi soldi della Lega

Riccardo Bossi non usa viagra. Resta da capire se è uno scroccone

Va bene passare per scroccone, ma per impotente proprio no. Insomma, il celodurismo è salvo. Riccardo Bossi, figlio di Umberto Bossi e della prima moglie Gigliola Guidali, ha chiarito: "Fortunatamente scopo senza viagra". Il rampollo è stato intervistato da Un giorno da pecora su Radio2, dopo l’articolo di Libero di venerdì 11 maggio in cui si parlava di lui. 

Abbiamo scritto, come riportato dalle agenzie, che in una lettera che gli inquirenti hanno trovato nell’ufficio dell’ex tesoriere Francesco Belsito, Riccardo ringraziava e gli ricordava una serie di spese personali da affrontare, il tutto con un riferimento "sospetto". Ecco il testo integrale della missiva, così come raccontato dall’Agi di giovedì 10 maggio: "Caro Francesco, ti elenco i pagamenti a cui devo fare fronte al 31 gennaio 2011", è l’incipit della lettera che poi prosegue con l’elenco dei pagamenti richiesti dal giovane Bossi a Belsito: 981 euro relativi all’ultimo pagamento per il noleggio della Clio; si fa poi riferimento a "saldare in contanti le multe arrivate ad oggi" e quantificate in 1.857 euro. Poi, Riccardo Bossi cita un pagamento non meglio specificato per il noleggio di un’auto e un altro pagamento di 12.625 euro (indicato come '5.175 + 7.450') per il noleggio di un’auto fino a febbraio 2011. E ancora si parla di "saldare un lavoro in carrozzeria" per 3.900 euro e "rate di leasing assicurazione" per 2.589 euro. Infine, un misterioso riferimento alla definizione di un "vecchio problema a base blu". Il sospetto degli inquirenti è che questi pagamenti siano stati effettuati con i soldi ottenuti dalla Lega a titolo di rimborso elettorale.

Ci siamo chiesti: il "vecchio problema a “base blu” sarà mica viagra? Sicuramente no, visto il verbo celodurista che il Senatur ha sparso per decenni e il curriculum da vero macho di Riccardo. Però il dubbio restava. Insopportabile. Così ieri il primogenito dell'ex ministro ha ringhiato: sotto la cintura funziona tutto. Sospiro di sollievo a Pontida e dintorni. In effetti, "Base blu" è un lussuoso negozio di moda in provincia di Varese: probabile che il ragazzo si riferisse a quello. Peccato non abbia spiccicato una parola sul vero dilemma: la Lega gli pagava le spese personali, multe e carrozziere compreso? Mistero. Tanto che Roberto Castelli, che pure è orgoglioso di definirsi bossiano doc, su Facebook ha scritto: "Se la storia che Riccardo Bossi usava la Lega come un bancomat fosse vera, la delusione sarebbe enorme e sarei costretto a rivedere molte mie opinioni". 

dal Blog di Matteo Pandini

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    12 Maggio 2012 - 15:03

    forse 1: problemi di bile. O altro, per cui si possa aiutarti?

    Report

    Rispondi

  • nevenko

    12 Maggio 2012 - 11:11

    ne frega se usa il viagra o no.Ma 'sti italiani sono proprio morbosi,provinciali,frivoli e civettuoli.Ma fatevi i "capperi" vostri!

    Report

    Rispondi

  • blues188

    12 Maggio 2012 - 07:07

    Si trova nei 2,5 miliardi appena regalati al Sudde. Ai quali vanni aggiunti i recenti 5,5 miliardi dati tre mesi fa dal governitorinco Monti. Quindi al Sudde stiano zitti che è appena arrivato da mangiare. Altro che trote da quelle parti, sono pescecani. Ma più cani che pesci.

    Report

    Rispondi

  • bersa56

    12 Maggio 2012 - 00:12

    CHE CAMPLACASA (leggete com'è scritto) traduzione rincoglionito buono a nulla

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog