Cerca

Metalmeccanici scatenati

Fiom, diktat a Bersani: o ci ascolti o diventiamo un partito

Il sindacato di Landini lancia l'appello: il 9 giugno vertice con Pd, Sel e Idv sui temi di lavoro e diritti. Senza sponde, scenderà in politica direttamente

Maurizio Landini

Che la Fiom fosse politicizzata, così come mamma Cgil, lo si sapeva da un pezzo. Ma che il sindacato dei metalmeccanici stia per diventare partito vero e proprio, è un bel salto di qualità. Il segtretario Maurizio Landini, barricadero e frequentatore abituale dei salotti e dei talk show televisivi (cosa che aiuta, eccome) ci sta lavorando ormai da molte settimane. L'obiettivo è mettere i leader politici con le spalle al muro: il 9 giugno ci sarà un incontro ufficiale con il segretario del Pd Pierluigi Bersani, quello Idv Antonio Di Pietro, il capo di Sel Nichi Vendola. In questa sorta di stati generali del centrosinistra, la Fiom chiederà ai partiti di stabilire una linea netta e decisa su lavoro e politiche sociali. Detterà l'agenda, insomma, nell'ipotesi di grandi ammucchiate e voto anticipato, magari in autunno (caldissimo, davvero). Se gli interlocutori si tireranno indietro (facile, visto che Bersani ha tanti problemi in casa e probabilmente non se ne vorrà portare altri), l'ala dura della Fiom deciderà di scendere in campo. Lo ha detto a chiare lettere il numero due dei metalmeccanici Giorgio Airaudo: "In questi anni abbiamo fatto una battaglia per difendere i diritti, e per questo sempre inseguiti dall'accusa di fare politica. Da oggi, in poi, visto che le nostre battaglie non hanno trovato sponda dobbiamo pubtare a inserire i diritti e il lavoro nell'agenda della politica. Dobbiamo fare politica, a viso aperto". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roberto19

    roberto19

    15 Novembre 2014 - 13:01

    ... ma lo sappiamo tutti che lo scopo finale di Landini è quello di andare in Parlamento. Un altro sindacalista "onorevole" come se ce ne fossero pochi.

    Report

    Rispondi

  • Copermico

    01 Giugno 2012 - 12:12

    ci mancava proprio una altro partito. pensando poi alla gente che ci potrà entrare mi vengono i brividi: quelli che non hanno mai lavorato in vita loro (e se conoscete qualche sindacalista capite di cosa sto parlando)!

    Report

    Rispondi

  • elfric

    30 Maggio 2012 - 09:09

    E' un chiaro messaggio al PD: o si sveglia e ritrova le proprie radici (a cominciare dalla bocciatura della vergognosa riforma del lavoro e l'abolizione sostanziale dell'art.18) oppure la propria base elettorale si rivolgerà altrove lasciando il PD ai vari Veotroni, Ichino, Bianco e gentaglia varia.

    Report

    Rispondi

  • Blackcat

    30 Maggio 2012 - 08:08

    alla fin fine un altro che vuole saltare nella grande pentola della politica magna magna

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog