Cerca

Congresso leghista

Maroni attacca Silvio: nel Pdl comanda lui
Ed è una cattiva notizia

Il triumviro della Lega Nord al congresso del partito: nessun rinnovamento tra gli azzurri

Per Bobo la stagione dei congressi serve a rilanciare il partito: ecco come
Maroni attacca Silvio: nel Pdl comanda lui
Ed è una cattiva notizia

 

"Ho capito che all’interno del Pdl è ancora Berlusconi che comanda e questa non è una buona notizia".  E' quanto afferma il triumviro della Lega Nord, Roberto Maroni, prima   di dare il via alla seconda giornata dell’ottavo congresso nazionale  della Lega lombarda che si tiene a Bergamo.   "Io come tutti mi aspettavo un rinnovamento, un cambio di   leadership nel Pdl perché queste erano le premesse, questi erano gli annunci. Mi pare invece che ci sia la politica dell’elastico: un pò avanti e un pò indietro, che crea   confusione. Tuttavia -questa non è una cosa che mi   preoccupa particolarmente perché il tema delle alleanze adesso non è  all’ordine del giorno. All’ordine del giorno - ha concluso - per noi  c'è la rimessa in moto della macchina, la ripresa dell’attività   politica". 

Futuro del Carroccio - Maroni ha parlato anche del futuro della Lega: "C'è chi vuole distruggere la Lega perché è una anomalia del sistema. Il nostro compito è quello di   smentire tutti questi gufi che dicono che la Lega è morta e oggi si   può ricominciare. Sono fiducioso e ottimista che oggi si chiuda una   pagina brutta e se ne apra una ancora più bella di quella che è   stata la Lega nel passato con grandi successi e grandi soddisfazioni   per tutti noi. Dobbiamo riprendere quella azione forte che la Lega ha sempre   avuto perché il nostro obiettivo, la nostra   ambizione, il nostro sogno è quello di diventare il primo partito del  Nord prima delle elezioni politiche".

 Congressi  Con la stagione dei congressi, ha spiegato Maroni, si dà quindi  il via al cambiamento "per rilanciare la Lega dopo il terremoto che ci  ha colpiti e per riprendere l’attività politica. Da oggi si parte, da  oggi si può ripartire, vediamo se ci sono le condizioni ma io credo   proprio di sì. La stagione dei congressi serve per rilanciare   l'azione della Lega -ha concluso Maroni- noi qui ritroviamo l’unità   di tutti i militanti".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sig.nessuno

    04 Giugno 2012 - 13:01

    La lega serve solo a dar lavoro a gente che senza la politica sarebbe sul lastrico perché emerita incapace. Su wikipedia Matteo Salvini, la voce "Controversie" (che elenca una serie di stupidate dette o fatte da salvini) è più grande di "Biografia" e "Attività Parlamentare" messe insieme... ci sarà un motivo...

    Report

    Rispondi

  • IoSperiamoCheMeLaCavo

    04 Giugno 2012 - 13:01

    I leghisti alle elezioni amministrative hanno dimostrato alla Lega che gente non pulita non la vogliono, e quindi il discorso di Maroni sul PDL e Berlusconi va in questa direzione. Sarebbe un suicidio ripulire la lega per poi allearsi con il PDL ancora con Belrusconi che un santo di legalità non lo é per niente. E sono d'accordo anche sul rinnovamento la Lega utilizza i congressi con votazioni democratiche, il PDL parla bene da 3 mesi e razzola male da 20 anni. Parlano di rinnovamento della loro classe politica e chi comanda é ancora Berlusconi con Alfano che gli fa da pappagallo con il megafono. Addirittura per tenere ancora vivo Berlsuconi si sono inventati il semipresidenzialismo alla francese invece di fare le battaglie in parlamento per riforme piu' serie. Appena Alfano dice qualcosa di suo e prende iniziative (vedi sui formattatori del PDL), interviene subito Berlusconi a dire "aspetta bello dove vai. E i Verdini, La Russa, Cicchitto, Crosetto dove li mettiamo?".

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    04 Giugno 2012 - 10:10

    morta ancor prima di nascere

    Report

    Rispondi

  • Franco Giunta

    04 Giugno 2012 - 10:10

    La Lega sarà sì di Maroni, ma una Lega così malridotta non darà gran soddisfazione a chi dovrà ripartire da zero. In bocca al lupo, Maroni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog