Cerca

La pista: spese personali

Il "bancomat" della casta
alla banca di Palazzo Madama

La filiale Bnl ha segnalato a Bankitalia 40 prelievi "sospetti" effettuati dai senatori dalla cassa dei trasferimenti ai gruppi parlamentari

Le segnalazioni sono imposte da una legge del 2007 contro il riciclaggio

C'è il senatore che ritira contante con regolare cadenza mensile. C'è il senatore che delega a ritirare una cifra consistente un certo signore noto per svolgere l'attività di "spallone", e non risulta che in Svizzera il senatore in questione o il suo partito svolgano un'intensa attività politica. E c'è il senatore che si presenta in compagnia dell'amica ed esce dalla banca con migliaia di euro in contanti. Sono in tutto una quarantina, come scrive oggi il quotidiano "Il giorno" le segnalazioni di operazioni "sospette" effettuate dalla filiale della Bnl interna a Palazzo Madama all'Unità di informazione finanziaria della Banca d'Italia. Segnalazioni imposte da una legge del 2007 quando un operatore finanziario "sa, sospetta o ha motivi ragionevoli per sospettare che siano compiute o tentate operazioni di riciclaggio".

Il "tesoretto" al quale attingerebbero i "prelievi" sarebbe quello dei trasferimenti ai gruppi parlamentari. Denaro pubblico calcolabile per Palazzo Madama in circa 40 milioni di euro ogni anno. Dalle segnalazioni giunte in Bankitalia risulterebbe che parte significativa di quei soldi sia effettivamente nella disponibilità dei singoli senatori. I gruppi politici coinvolti nelle operazioni oggetto di segnalazioni? Quelli del Partito democratico, Lega e Udc.

roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • silvano45

    08 Giugno 2012 - 14:02

    fanno le leggi e non le rispettano e le autorita competenti colluse con questa casta schifosa di politici ladri guarda dall'altra parte per qualche promozione pio chiedono ai poveracci bancomat per pensioni da 1000 euro ma la pena di morte per questi signori non è sufficente.

    Report

    Rispondi

  • ennaz

    08 Giugno 2012 - 13:01

    Il vero bancomat per questi cialtroni,TUTTI,siamo noi cittadini onesti che paghiamo ancora le tasse!! Rivolta fiscale e...mandiamoli al confino!!

    Report

    Rispondi

  • ambastianelli

    08 Giugno 2012 - 09:09

    per questa gentaglia pugno di ferro ma senza guanto di velluto, ormai non c'e' che una soluzione ,un POTERE FORTE, per un'ITALIA FORTE, la gente non ne puo' piu'.......BASTA!!!

    Report

    Rispondi

  • aquila azzurra2

    07 Giugno 2012 - 23:11

    di ieri , qualcuno s'illude che questa casta potrà fare un minimo per il paese? questi pensano solo ed esclusivamente ai ca...loro, sono sordi alle accuse ed alle considerazioni che il popolo esprime ogni giorno, sono cechi di fronte alla realtà, si rinchiudono sempre più nelle blindature e nelle scorte allontanandosi da quella gente a cui devono tutto, gettando loro contro le forze di polizia al primo cenno di protesta. Questi nominati, forti del porcellum che mai cambieranno, hanno stravolto le più elementari regole della democrazia ed hanno instaurato un regime che li ha posti su una piattaforma dove si prestano assistenza recipreoca a prescindere dalla loro posizione che occupano sui scanni parlamentari: parliamo di posizioni e non di appartenenze partitiche,giusto perche quelle servono solo a convincere i ritardati a recarsi ancora alle urne con la lusinga di scegliere fra questo o quello.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog