Cerca

Sanità lombarda

C'è anche una suora laica
nell'affare Formigoni

Alessandra Massei, membro del gruppo adulto di Cl, indagata per il ruolo avuto in due operazioni che hanno favorito il faccendiere Daccò

E la Lega notifica lo "sfratto" al governatore: ci auguriamo che dopo l'estate dia le dimissioni
C'è anche una suora laica
nell'affare Formigoni

C'è anche una donna, nell'indagine che sta mettendo a soqquadro la sanità della regione Lombardia e mettendo in imbarazzo il governatore Roberto Formigoni. E non è una donna qualunque: Alessandra Massei, 51 anni, fa parte del cosiddetto "gruppo adulto" di Comunione e liberazione. Una sorta di "elite dell'elite", suore laiche che hanno scelto di dedicare la propria vita alla Chiesa facendo voto di obbedienza, castità e povertà. In tutto sono una sessantina e in 4 hanno il compito di prendersi cura addirittura del Papa.

Alessandra Massei, già dirigente Asl a Venezia, al Pirellone diventa dirigente dell'Unità organizzativa di programmazione sanitaria, quella che accredita le Rsa (Residenze sanitarie assistite per anziani). Ed è stata iscritta al registro degli indagati dai pm milanesi Antonio Pastore e Laura pedio per due operazioni che hanno visto coinvolti il faccendiere Pierangelo Daccò e l'ex assessore lombardo alla Sanità Antonio Simone, entrambi ora in carcere. La prima risale al 2006, quando la Massei coordina il progetto della Belforte Srl che realizza la Rsa di via Camaldoli a Milano. Per l'intermediazione, Daccò e Simone secondo l'accusa guadagnano 5,5 milioni di euro. E nel 2011 si interessa all'accreditamento della Rsa di via dardanoni, per la quale Daccò e Simone si spartiscono altri 5 milioni.

Lega all'attacco - Il fronte della Sanità è quello sul quale, all'indomani della mozione di sfiducia con cui le sinistre chiedevano le dimissioni del governatore, il neo-segretario regionale della Lega Matteo Salvini attacca Roberto Formigoni: "L'equilibrio di spesa tra pubblico e privato deve essere ritarata a favore degli ospwedali pubblici". E poi Expo: "Formigoni faccia passo indietro da commissario generale, perchè lì serve una persona che lavori all'evento 24 ore su 24". Quanto alla mozione, Salvini avverte: "potremmo addirittura presentarne una nostra". E un deputato molto vicino a Maroni aggiunge: "Noi speriamo che Formigoni si dimetta dopo l'estate, tra settembre e ottobre. Il voto di ieri lo ha reso ancor più dipendente dalla Lega e se non lo facesse lo aiuteremo noi a prendere questa decisione".

milano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • iltrota

    08 Giugno 2012 - 20:08

    Ennesimo annuncio farlocco da parte della Lega, capace ancora di giocare al ricatto dopo tutte le kazzate di cui si è macchiata!! Vada a ramengo e a fondo la Lega, con Formigoni saldamente attaccato ai Maroni!!

    Report

    Rispondi

  • fossog

    08 Giugno 2012 - 17:05

    Chi aderisce a sette varie non può esser del tutto fuori da giri mafiosi ed interessi di parte. E Formigoni, anche se ha amministrato abbastanza bene, specialmente se confrontato a molti miserabili suoi colleghi in altre regioni, ha questa tara di fanatismo religioso che mina la fiducia che la gente NORMALE potrebbe avere in lui. Non si può avere fiducia in chi ha interessi particolari invece che interessi generali.... PENDERA' sempre da quel lato particolare.

    Report

    Rispondi

blog