Cerca

Il sondaggio del tg di La 7

Grillini secondo partito d'Italia
Superato il Pdl, puntano sul Pd

Beppe e i suoi al 19,1%, a cinque punti dai democratici. Gli azzurri invertono il trend negativo, ma si fermano al 18,3%

Il premier Mario Monti perde un altro punto di gradimento in una settimana. Ora piace solo al 40% degli italiani e se continua così a metà aprile 2013 sarà a 0. Giusto in tempo per le elezioni
Grillini secondo partito d'Italia
Superato il Pdl, puntano sul Pd

Sono ormai settimane che il Movimento 5 stelle è nella corsia di sorpasso della politica italiana. Partito da poco sopra il 3% nelle preferenze degli italiani, ha lasciato indietro prima l'Udc, La Lega, Sel e gli altri partiti di "seconda fila", quindi ha puntato dritto sui primi due, che sono un paio di mesi fa erano ancora lontanissimi. Ma poi ci sono state le elezioni amministrative, che sono state come benzina sul fuoco dell'entusiasmo grillino. Tempo un mese e (settimana scorsa) raggiungeva il Pdl (al 18,1%).

Adesso si registra  lo storico sorpasso: il blogger e i suoi, secondo il sondaggio settimanale presentato da Enrico Mentana nell'edizione del lunedì del suo tg su La7, sono al 19,1% (in una settimana si sono presi un altro 1%), mentre il partito Alfano/Berlusconi ha inverito il trend discendente, "apprezzandosi" (per usare un termine borsisitco) però solo dello 0,2%. Morale: grillini secondo partito d'Italia e con il mirino ormai puntato sul Pd, che cede lo 0,3% passando al 24,7%. Tra gli altri, la Lega è stabile al 5%, l'Italia dei valori al 6,5% appaiata all'Udc, Sel di Vendola al 5,7%. Il cosiddetto partito dell'astensione, cioè di coloro che se si votasse oggi diserterebbero le urne, si conferma stabile al 33%, ossia un terzo del totale.

Un altro dato interessante che il sondaggio di La7 fornisce settimanalmente è quello del consenso al premier Mario Monti, che anche questa settimana (al pari delle precedenti) lascia sul terreno un 1%, attestandosi al 40%. Di questo passo, tempo 40 settimane e il consenso del Prof arriverà a zero: accadrebbe a metà aprile, giusto in tempo per le elezioni politiche del 2013.

roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • INCAZZATONERO69

    13 Giugno 2012 - 20:08

    Occhio amico mio,le parole sono importanti.Il 9 gennaio del 92 su repubblica Falcone veniva definito "un comico,un guitto,che sciorina le sentenze in tv e può gareggiare coi comici del sabato sera".Bhè ora sappiamo tutti come e finita.Falcone un uomo con due coglioni grossi quanto il colosseo,di riflesso scalfari invitato alle riunioni del gruppo bilderberg...

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    13 Giugno 2012 - 20:08

    Infatti in grecia ha un largo consenso "alba dorata" ed in francia i fascisti al 20%.Cortesemente chiuda il becco,grazie

    Report

    Rispondi

  • aldogam

    13 Giugno 2012 - 11:11

    Sarà, ma non mi meraviglierò se, al momento giusto, qualcuno farà uscire delle intercettazioni già nel cassetto che "costringeranno" qualche pm ad indagare. Non è pensabile che la lobby ribaltonista di sinistra, dopo aver "lavorato" per anni per far cadere Berlusconi e prendere il potere, si lasci fregare dal grillo urlante. Avremo il 60% di astensioni dal voto e lo zoccolo duro delle sinistre conquisterà la maggioranza assoluta.

    Report

    Rispondi

  • dplucia

    13 Giugno 2012 - 08:08

    Non mi meraviglia il fenomeno Grillo che sta superando il PDL ed incalza il PD. Agli italiani basta un istrione che sappia raccontare cose che tutti sanno da decenni per portarlo " all'altare" della politica.Ancora la storia recente non ha insegnato nulla agli italiani; già agli italiani la storia non piace o ne sono ignoranti. Dovesse il movimento a 5 Stelle raggiungere il PD alle elezioni, un potere forte saprebbe come fare: basta poco per sporcarlo. Ma come mai i paesi, compresa la Grecia,con i suoi guai, sono più seri di noi? Noi siamo e saremo un Paese inaffidabile finchè i politici penseranno a coltivare il loro potere e a coltivare quelli che lo sostengono e gli istrioni ad illanguidire i nostri cervelli. I nostri cugini francesi non hanno eletto un comico: i francesi sono seri e pensano al bene di tutta laFrancia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog