Cerca

Il futuro del Pdl

L’idea di Silvio: affiancare all’euro una nuova lira

L’ex premier studia con un pool di premi Nobel un progetto sperimentale

Tre anni di coesistenza delle due monete. Dopo l’Italia potrebbe decidere se restare nella valuta comunitaria o tornare al conio nazionale
L’idea di Silvio: affiancare all’euro una nuova lira

 

A luglio il Cavaliere ha in programma fuochi d’artificio. In attesa di decidere se staccare o meno la spina ai professori (ieri in un vertice tra Alfano e gli ex ministri a via dell’Umiltà si dava quasi come scontato il voto a ottobre), Berlusconi punta ad approfondire la “non-bestemmia”, l’addio all’euro.  La soluzione che ha in mente il Cavaliere non è un traumatico passaggio da una divisa all’altra, ma l’affiancamento della nuova lira per un periodo di tre anni. Dopo questa fase di doppia circolazione, la valutazione degli effetti e la decisione: mollare l’euro o abbandonare l’esperimento del ritorno alla valuta nazionale.  «Provocazione», dicono le colombe azzurre. «Parole strumentalizzate», minimizza Alfano, che ha l’improbo compito di interfacciarsi con Monti, non poco imbarazzato per la nostalgia monetaria berlusconiana.

Leggi l'articolo di Salvatore Dama su Libero di oggi venerdì 22 giugno 2012 o vai all'edicola digitale

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vice

    23 Giugno 2012 - 08:08

    Il Cavaliere, se vuole davvero riproporsi alle prossime elezioni politiche, deve dirci davvero cosa vuole fare per l'Italia. Il Paese ha davvero bisogno di un Mecenate, e chi meglio di Silvio, dall'alto dei suoi miliardi, può impersonare tale ruolo? Ma deve fare davvero il liberale o il liberista, dando filo da torcere a tutte le lobby esistenti in Italia. O con me o contro di me, dovrebbe dire agli Italiani, dopo la presentazione di un programma chiaro e semplice, di facile lettura e comprensibile anche dai più ignoranti. Vuole il 51% ? Sia chiaro, non c'è assolutamente bisogno di alleanze impossibili o ricattatorie. Basta con l'intruppamento di alcuni ignoranti consolidati, i leghisti ad esempio,o con i tanti camaleonti che siedono da 30 anni in Parlamento,(Casini,Fini ecc). Si circondi di persone serie e competenti e meno starlette. Faccia davvero qualcosa per l'Italia che lo possa davvero ricordare, e poi meno gli interessi personali.Silvio ti vogliamo cosi'. O con me o cntro di me

    Report

    Rispondi

  • gian65

    23 Giugno 2012 - 04:04

    bella la foto con il binocolo, solo gli sprovveduti possono pensare che stia guardando lontano > in realta sta guardando quando arrivano le sue ospiti e quante sono. altro lui non conosce. per qunato riguarda uscire dall'euro o aggiungere una moneta alternativa : sembra essere diventato uno scopritore , in realta'niente di nuovo per chi conosce e si e' informato, sono anni che si sta discutendo ma lui aveva tempo solo per le sue ospiti ed i suoi avvocati....ora si svegli visto che piu' nessuno gli crede se non la sua corte

    Report

    Rispondi

  • gian65

    23 Giugno 2012 - 03:03

    Uscire dall'euro senza uscire dall'europa non e' una bestemmia.altre nazioni sono cosi, vedi inghilterra . ma detto da berlusconi che aveva tutto il tempo di farlo quando era al governo invece di pensare agli affaracci suoi, suona falso .Oppure ha fatto i suoi conti con i cambi e sa gia' quanto lui ci guadagnerebbe non l'italia a cui lui non frega di meno. Sta solo tentando di recuperare gli elettori che ha perso ( e sono tanti).Poi come al solito se ritorna la governo dara' la colpa ai comunisti ed ai disfattisti se non uscira' piu' dall'euro.Intanto lui avra' ottenuto quello che gli interessa veramente ; non andare in galera e continuare a far soldi alle spalle dei cittadini.

    Report

    Rispondi

  • nuanda1973

    22 Giugno 2012 - 13:01

    Lungi dal voler difendere Mr. B. dico a bepper che farebbe meglio a documentarsi prima di sparare castronerie (abbreviato stron.). La moneta unica fu voluta da Prodi, tutti gli accordi furono infatti sottoscritti dallo stesso Prodi che ne decantava la bontà. Carta canta, trasmissioni televisive pure. Al governo B., che prese il posto del precedente, caduto per liti interne, toccò forzatamente avallare quegli stessi maledetti accordi. Anche per quanto riguarda la tua citazione sulla legge di Gresham ti consiglio una ripassata ed eventualmente una faziosità meno spinta: ti piacerà sapere che Gresham parlava di sistemi monetari nei quali il valore nominale delle monete è pari al contenuto in oro o in metalli preziosi. Conclusione. Hai solo perso una buona occasione per tacere. Destino che tocca ai saputelli. Buona serata

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog