Cerca

L'intervista

Monti: il 29 giugno è in gioco l'Europa
Perché la Germania deve fidarsi di noi

Il premier: non possiamo fallire, dobbiamo convincere i mercati. Berlino ha tratto vantaggi dall'integrazione, Roma mai chiesto prestiti

Monti: il 29 giugno è in gioco l'Europa
Perché la Germania deve fidarsi di noi

 

"Al vertice di Bruxelles del 28 e 29 giugno è in gioco l’Europa". Lo afferma in una intervista a La Stampa e ad altri cinque giornali europei, il premier Mario Monti. In caso di riposta debole davanti alla crisi, si avrebbe non solo "un accanimento speculativo anche verso Paesi meno deboli come l’Italia che sono in linea con i parametri europei ma che si trascinano un alto debito del passato" ma anche un rigetto nei confronti dell’Europa stessa. Per Monti, fra le priorità del vertice c'è "il rafforzamento dell’integrazione. In modo che tutti gli europei sappiano dove vanno e i mercati possano convincersi che sarà rafforzata la volontà di rendere la moneta unica  indissolubile e irrevocabile".

Il paradosso  Se il Consiglio non dovesse dare risultato, prosegue Monti, si   creerebbe un paradosso: "Per uscire bene dalla crisi dell’eurozona e   dell’economia europea c'è sempre più bisogno di integrazione ma se   il Consiglio europeo non aiuta presto i problemi dell’eurozona, la   volontà delle opinioni pubbliche, dei governi e anche dei Parlamenti  si rivolgerebbe contro quella maggiore integrazione che invece è   necessaria. Un rischio che vedo persino nel nostro Parlamento, che   tradizionalmente è sempre stato europeista e non lo è più".  La ricetta Monti prevede  "un insieme di misure realizzabili, nell’assetto attuale sia dei Trattati che delle istituzioni, più efficaci per dare stablità finanziaria all’eurozona. E questo passa attraverso una piena unione bancaria e meccanismi in grado di fare ponte con i Paesi che hanno adottato seriamente gli impegni delle regole comunitarie, li hanno realizzati e tuttavia scontano una certa inerzia e diffidenza". 

Rapporti con Germania e Francia Inoltre il prermier si sofferma sui rapporti tra la Germania e la Francia L'armonia" della "coppia" Francia e  Germanai "è interesse vitale per tutta l’Europa, come la storia ci ha   insegnato", "l'accordo tra di loro è condizione necessaria per i   progressi dell’Ue e tuttavia è sempre meno una condizione   sufficiente".  "Negli ultimi anni l’Italia non era sollecitata a co-influire  nel processo come gli altri due, ma all’attuale governo italiano la   Francia del presidente Sarkozy e la Germania della cancelliera Merkel   hanno fatto una apertura: da qualche tempo si era stabilito che a Roma  si sarebbe tenuto un incontro a tre -spiega il presidente del   Consiglio-. Abbiamo poi ritenuto, visto l’interesse del governo   spagnolo a partecipare, di accogliere volentieri la richiesta. Ci sono  state altre manifestazioni di interesse a partecipare, ma abbiamo   ritenuto che estendere oltre la cerchia avrebbe potuto generare   equivoci". Monti chiarisce: "Nella mia prospettiva, la partecipazione   dell’Italia a queste cerchie informali è importante, ma la vedo come   un modo per rafforzare e non indebolire il metodo comunitario: se   avessimo allargato ad altri paesi sarebbe stato quasi un surrogato del  Consiglio europeo. Io vedo la partecipazione italiana come un modo per  fare ponte tra gli “ins” e i “pre-ins” per quanto riguarda l'eurozona e dunque abbiamo appoggiato la richiesta del governo   polacco di avere - nell’ambito del Fiscal compact - una adeguata   presenza a tante riunioni, se non a tutte, dell’euro-vertice. E con la  Gran Bretagna abbiamo e avremo molte iniziative in comune. Una linea   che ci accomuna, sia alla Polonia che alla Gran Bretagna ed è la   convinzione che la crescita europea abbia molto da guadagnare da un   mercato unico veramente integrato".

Appello ai tedeschi Mario Monti rivolge un appello a un ipotetico cittadini tesdesco. Dice: "Rilassati, perchP ti sei convinto o ti avranno convinto che tu stai   mantenendo un eccessivo tenore di vita degli italiani. Guarda, non è  così perché non ci sono stati finanziamenti all’Italia e non arrivo   a chiederti di credere al fatto che i tedeschi stiano traendo   vantaggio per il fatto che la Germania riesce a finanziarsi a tassi   così bassi, anche come effetto speculare degli alti tassi degli   altri". Il premier immaginando di rivolgersi a Herr Muller gli consiglierebbe di convincersi di quanto la Cancelliera sta dicendo e cioè che "La  Germania trae grandi vantaggi, come tutti i paesi, dall’integrazione   europea. E’ vero che, essendo   l'economia più grande, paga un pò più degli altri in termini di   bilancio dell’Ue, che comunque è l’1 per cento di tutta l’economia   europea. Ma guarda, che l’economia della Germania -  in sè così ben   funzionante perchè voi tedeschi siete molto bravi come lavoratori e   risparmiatori e mediamente siete ben governati - tra gli ingredienti  del suo grande successo negli ultimi 50 anni ha quello di essere al   cuore di un grande mercato unico". Monti poi sottolinea come finora l'Italia  "non ha chiesto   prestiti, ne ha dati molti e ogni giorno che passa, di fatto, sta   sussidiando altri con gli alti tassi di interesse che paga nel   mercato. Nel futuro l’Italia non avrà bisogno   di aiuti e se dovesse farlo vuol dire che c'è qualcosa di sbagliato  nel sistema . Non li chiederà   perchè quest’anno, secondo le previsioni di primavera della   Commissione europea, l’Italia ha un disavanzo pubblico che è il 2%   del prodotto interno lordo, l’insieme dell’Ue è al 3,6%, la zona euro  è al 3,2%, l’Olanda al 4,4%, la Francia 4,5%, la Germania solo lo   0,9%".   "E poi l’Italia avrà nel 2013 un avanzo in termini strutturali   dello 0,6% e sarà uno dei primo Paesi ad averlo. C'è qualcosa di   imperfetto nella zona euro se un Paese che sta facendo sforzi enormi   al suo interno, ha ancora tassi di interesse così alti. Tra l’altro   in un sistema che vogliamo sia fatto di incentivi e disincentivi, di   premi e punizioni", sottolinea il presidente del Consiglio.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • triestino48

    22 Giugno 2012 - 22:10

    Speriamo bene, così mandiamo a casa, Monti ed i suoi tecni ci

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    22 Giugno 2012 - 18:06

    Clamoroso al Cibali,finalmente ti leggo.Ciao e non farto troppo desiderare.

    Report

    Rispondi

  • marino43

    22 Giugno 2012 - 18:06

    Finalmente lei ha trovato un errore! Complimenti...7+. Promosso! Ma altrettanto devo complimentarmi con lei per l'esaustiva argomentazione che ha espresso nel merito e cioè se la Germania devo oppure no fidarsi di noi!Questo è un argomento un tantinello più difficile ma se si fa aiutare da qualche altro suo simile forse....no...non ce la farà! Me ne farò una ragione, stia certo, questa sera guarderò la partita Germania vs Grecia e poi me ne andrò a dormire senza rimpianti anche se ho fatto un erroraccio.Ma le dirò di più, continuerò a scrivere sapendo che poi ci sarà sempre qualcuno che mi aiuterà a non sbagliare, anche questo è servizio pubblico...vede? Se non ci fossero persone come lei così istruite!Anche le zanzare sono utili...agli uccellini...ai pippistrelli...ma molto noioso e fastidiose per gli umani.Si guardi la prtita e stia sereno...ehehehe....ehehehhe...ehehehe

    Report

    Rispondi

  • routier

    22 Giugno 2012 - 18:06

    L'Europa politica e monetaria muore? Riposi in pace. Avrà finito di far danni!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog