Cerca

Monti agli sgoccioli

Il Cav ha una sola certezza:
"Si vota entro novembre"

Scontro tra i vertici del partito e Berlusconi, che vuole candidare un "uomo nuovo": un manager o imprenditore

I dirigenti azzurri contestano le prese di posizione del Cav dello scorso venerdì: "Il candidato è Alfano. Silvio non deve delegittimarlo"
Silvio Berlusconi

 

Anche i collaboratori più stretti non hanno gradito l'esibizione di Silvio Berlusconi dello scorso venerdì, quando il Cavaliere ha lasciato intendere di volersi rigettare nella mischia politica, magari puntando tutto sulle liste civiche. I dirigenti del Pdl adottano la tattica del silenzio e non si fanno sentire da Silvio: un silenzio di protesta, perché il fondatore del Pdl è andato troppo fuori dagli schemi. I messaggi al Cav, però, sono stati recapitati: i colonnelli azzurri si sono affrettati a dichiarare che "d'intesa con Berlusconi" si faranno le primarie. Un modo spiccio per dirgli di tornare a sedersi in panchina e per spiegargli che il candidato è il segretario Alfano, che non va delegittimato.

Alle urne molto presto - Tra gli azzurri, però, nessuno ha ben chiaro in testa cosa voglia fare Berlusconi. L'unica certezza è relativa alla sua convinzione che si possa tornare alle urne molto presto: ottobre o novembre. Berlusconi crede che Monti abbia esaurito la sua funzione, e spiega che se dovesse tornare dal vertice di Bruxelles a mani vuote i partiti potrebbero staccargli la spina. Così il Cav si prepara per non farsi trovare impreparato all'appuntamento elettorale: la nuova strategia prevede per lui il ruolo di "padre nobile" del partito e di grande comunicatore sempre in prima fila. La leadership verrebbe delegata ad altri.

L'uomo nuovo - Il candidato a Palazzo Chigi del Cav, però, non dovrà essere un politico, ma un imprenditore o un manager di successo, un po' come fu il Cav '94, una persona pescata non dal mazzo politico, perché la fiducia nei partiti e nei loro uomini, oggi, è inesistente. Il Pdl, però, è spaventato dall'iniziativa, temendo di restare isolato e con la "colpa" di aver appoggiato Monti da sostenere mentre il Cav si smarca. Gli azzurri, inoltre, temono che l'iniziativa delle liste civiche gli sottragga altri voti. Berlusconi, però, almeno ufficialmente dice di avere idee completamente opposte e di voler rilanciare il partito, partendo dal cambio del nome.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    04 Luglio 2012 - 12:12

    grazie a lui? lui chi, Burlesque? Guarda che io e tanti altri la casa ce la siamo fatta senza di Lui. E poi, cosa significa? Forse le case non ce le facevamo anche quando c'erano altri governi? l'80% dei proprietari di casa lo sono diventati SOLO sotto i suoi 14 anni di governo? .Maldestro, sei solo un povero maldestro

    Report

    Rispondi

  • Renatino-DePedis

    25 Giugno 2012 - 15:03

    tu parli di costituzione? poveretto.

    Report

    Rispondi

  • encol

    25 Giugno 2012 - 07:07

    Il problema è di NON aver capito che la gente non vuole più votare fino a che il paese non sarà MORALIZZATO. Ciò significa rimettere le cose a posto a partire da coloro che hanno mal utilizzato l'onesto mandato ricevuto dal popolo con libere elezioni. Il popolo E' STATO VERGOGNOSAMENTE TRADITO e non ne vuole più sapere di partiti e di governanti. Per tutti costoro l'equazione è semplice: = BANDA DI LADRI.

    Report

    Rispondi

  • Renatino-DePedis

    25 Giugno 2012 - 01:01

    fino all'altro giorno la data delle elezioni le davate a ottobre. come mai c'è stato questo cambiamento?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog