Cerca

Fini

Pur di raggranellare due voti dice di essere pronto a lavorare anche di notte

Pur di raggranellare due voti dice di essere pronto a lavorare anche di notte

 

Sembrava una battuta venuta male, una gaffe che Fabrizio Cicchitto aveva fatto nel momento sbagliato. Quando il capogruppo alla Camera del Pdl aveva detto a Piero Giarda, ministro per i Rapporti con il Parlamento, che sarebbe stato difficile riuscire a tenere aperto Montecitorio fino a Ferragosto per votare tutti i decreti in scadenza, subito si è scatenato il putiferio.

E' dovuto intervenire il presidente della Camera Gianfranco Fini per provare a placare le critiche che già dai social network avevano iniziato a piovere sulla Camera dei deputati. "E' un argomento di cui parleremo nella riunione con i capigruppo", ha detto Fini, riferendosi al problema del programma dei lavori che potrebbero andare avanti per tutto agosto. "Visto l'alto numero di decreti in scadenza, i lavori alla Camera potranno continuare anche nelle settimane successive alla prima e seconda di agosto e si potrà prevedere di votare anche lunedì e venerdì ed in notturna", ha aggiunto il presidente della Camera. Un modo forse per dare ai cittadini l'impressione di un Parlamento calato nella crisi e nel momento difficile che il Paese sta vivendo. Anche se i maligni dicono che sia stato un modo per fare bella figura e raggranellare qualche voto.

Metà degli italiani non potrà andare in vacanza per problemi economici e l'uscita di Cicchitto sembrava una presa in giro. Anche per questo i capi dei partiti si sono affrettati a dimostrarsi particolarmente vicini alla gente. Su Twitter il leader dell'Udc Pierferdinando Casini ha scritto: "Altro che vacanze! Per me si può rimanere alla Camera anche a Ferragosto". E anche il segretario del Pd Pierluigi Bersani si è affrettato a comunicare che "qui c'è gente che non ha paura di lavorare. Ci sono dei decreti e dei provvedimenti e lavoreremo ad agosto finchè c'è da lavorare". Anche se poi ha voluto fare un passo indietro: "Ma c'è un limite a tutto. Abbiamo tutti una famiglia che ha diritto di stare due giorni con il padre o la madre. Queste cose mi preoccupano perché portano il Paese al disastro".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 19gig50

    29 Giugno 2012 - 08:08

    Parlano di lavorare anche d'agosto e sono già abbronzati a giugno. Forze a montecitorio hanno le lampade? Il sole glielo farei prendere si ma, a scacchi!!

    Report

    Rispondi

  • decibel

    28 Giugno 2012 - 10:10

    In tutti questi anni non ricorderemo fini per qualcosa di buono, ma solo per un periodo oscuro della politica italiana, nella quale è compreso lui e molti altri. Ragion per cui prima vanno a casa e si levano dai bal, come dice bossi, e prima potremo provare a cambiare pagina. Poi una cosa prima vuoi andare in pensione poi vuoi lavorare anche di notte, è dura mollare la poltrona, ma tanto chi ti vota più.

    Report

    Rispondi

  • decibel

    28 Giugno 2012 - 10:10

    In tutti questi anni non ricorderemo fini per qualcosa di buono, ma solo per un periodo oscuro della politica italiana, nella quale è compreso lui e molti altri. Ragion per cui prima vanno a casa e si levano dai bal, come dice bossi, e prima potremo provare a cambiare pagina. Poi una cosa prima vuoi andare in pensione poi vuoi lavorare anche di notte, è dura mollare la poltrona, ma tanto chi ti vota più.

    Report

    Rispondi

  • delusa52

    28 Giugno 2012 - 10:10

    Come può pretendere questo scimunito che gli altri lavorino se lui per primo non sa cosa vuol dire la parola lavoro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog