Cerca

Spending review

Camusso alla guerra: "Se toccano gli statali e i servizi sarà sciopero generale"

La leader della Cgil dura col governo: "Getta benzina sul fuoco, si rischia un conflitto sociale gravissimo"

Se il governo tocca gli statali sarà sciopero generale. L'avvertimento, chiaro e tondo, arriva dalla segretaria della Cgil Susanna Camusso che a pochi minuti dalla riunione delle parti sociali con Mario Monti sulla spending review sottolinea: "Se il governo pensa di procedere al taglio degli organici e alla riduzione dei servizi" senza confronto "getta benzina su una situazione molto difficile". "Sentiamo voci - ha proseguito la sindacalista - sulla possibilità per i dirigenti pubblici di accedere alla pensione con le vecchie regole, così si mettono tutti gli estremi per un conflitto sociale. Spero che gli annunci vengano smentiti perché c'è il rischio che si introducano ulteriori divisioni tra lavoratori pubblici e privati che questo Paese non può sopportare". Se non sarà così e se si colpiranno gli statali, "la mobilitazione unitaria deve continuare". "Abbiamo detto in tempi non sospetti - ha concluso - che si deve usare anche lo sciopero generale, e pensiamo che il tema di quello sciopero sia il lavoro e la creazione del lavoro. Questa è la risposta di cui ha bisogno il Paese". E se Monti metteva in chiaro che "non ci saranno contrattazionI" (come dirè, il testo dei tagli alla spesa pubblica è questo, prendetene atto), la Camusso non molla: "Ci auguriamo che il governo abbia capito che le decisioni unilaterali senza confronto portano solo problemi e sia quindi interessato ad aprire un confronto". Altrimenti sarà sciopero, generale e non unilaterale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • graziella

    04 Luglio 2012 - 11:11

    a casa,liberiamo i posti ed apriamo le finestre che cambi l'aria viziata del : ho tutti i diritti perchè sono uno statale!- se c'è la crisi per tutti i lavoratori dipendenti ed autonomi, se c'è bisogno di tagliare si tagli ed onore al merito di chi guadagna lo stipendio con sacrificio e dedizione. La Camusso vuole tutti in piazza? e lasciateli andare ,i primi che vanno: licenziati! hai voglia a fare pulizia, date l'incarico a Marchionne, vedrete come gestisce gli esuberi !

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    03 Luglio 2012 - 18:06

    lascerei fare sciopero generale anche per un mese finchè a stufarsi saranno proprio gli statali quando vedranno lo stipendio ridotto magari a zero, certo ci saranno tantissimi disguidi per le persone oneste che necessitano di servizi. Forse, ma solo forse, in quel momento potrebbero accorgersi che a rimetterci sono solo loro, la camusso non ci rimette niente, lei lo stipendio di 200.000 euro se lo porta sempre a casa, e finchè ci saranno tanti beoti che credono ancora in questa ideologia lei sarà tranquilla, il suo stipendio è assicurato.

    Report

    Rispondi

  • aio_puer

    03 Luglio 2012 - 16:04

    il merito a chi lavora! È ora di toccare una volta gli Intoccabili! Forza Monti! La Camusso non fa parte del Governo, è solo una negoziante infra partes.

    Report

    Rispondi

  • lsantus

    03 Luglio 2012 - 16:04

    Ma che ci fa il segretario del PD in mezzo ai sindacati butta fumo negli occhi del popolo Ma pensa che siamo così cretini?che buffone!!!e penare che non contano più niente!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog