Cerca

Stato-mafia

Il boss Graviano intercettato:
"Vogliono che incastri Berlusconi"

Su L'Espresso la confidenza del padrino al figlio nel 2010. "Devo dire che sono amico suo"

Silvio Berlusconi

 

Giuseppe Graviano è uomo d’onore: Cosa Nostra. E dunque, come per tutti gli uomini d’onore, le sue parole vanno prese con le pinze. Queste, però, non sono semplici dichiarazioni: registrazioni effettuate nella sala colloqui del carcere (penitenziario di Opera), mentre il boss, siamo nell’anno 2010, parla con il figlio. E Giuseppe Graviano, padrino palermitano, stratega dell’attacco allo Stato e degli attentati del 1993, dice due cose. Prima cosa: vogliono che accusi Silvio Berlusconi. Per la precisione: "Mi hanno fatto tutti questi soprusi perché vogliono che accuso..., che dico che Berlusconi è amico mio, che Berlusconi è quello che ha fatto fare le stragi, che il 20 per cento di quello che ha Berlusconi è mio, cioè una parte del Milan, Mondadori, Mediaset"

Seconda cosa: l’obiettivo di Cosa nostra durante le trattative con lo Stato non era il “carcere duro”, cioè il regime speciale, il 41 bis, l’isolamento e l’impossibilità di dirigere le cosche dall’interno di una cella. Erano le “carceri dure”, cioè l’Asinara e Pianosa, i due penitenziari che agli inizia degli anni Novanta ospitavano la maggior parte degli affiliati alla mafia, boss e gregari, colletti bianchi e killer. E l’Asinara e Pianosa, come la mafia voleva, furono realmente chiuse. Non nel 1993. Qualche anno più tardi, nel 1998. All’epoca presidente del Consiglio era Romano Prodi. Ministro dell’Interno: Giorgio Napolitano. Ministro di Grazia e Giustizia: Giovanni Maria Flick.

Lo scrive, nel numero in edicola oggi, non un giornale filoberlusconiano ma l’Espresso, una bibbia in materia antiberlusconiana.

Leggi l'articolo integrale di Mattias Mainiero su Libero in edicola oggi 5 luglio

 

roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lepanto1571

    08 Luglio 2012 - 13:01

    L'avvocato si è fatto costruire le autostrade per vendere quei bidoni di auto. Quando gli andava bene si teneva i guagagni; nelle crisi i soldi li mettevano tutti gli italiani. Non so come è finita l'inchiesta del suo enorme capitale esportato illegalmente! Però il corroto sarebbe il cavaliere, che non ha mai chiesto soldi allo stato.

    Report

    Rispondi

  • patetici

    07 Luglio 2012 - 19:07

    come ben dici tu ....basta un neurone per capirlo

    Report

    Rispondi

  • olbur

    07 Luglio 2012 - 12:12

    Per capire che:chi e gia ricco di suo non ha bisogno di rubare mentre invece tutti gli altri che lo diventano strada facendo e occupandosi tutta la vita solo di politica evidentemente si

    Report

    Rispondi

  • Cosean

    07 Luglio 2012 - 12:12

    questa non è un intercettazione! E' una registrazione del parlatorio del carcere! Un luogo dove per legge vi è l'obbligo di registrazione: In pratica una "DICHIARAZIONE CONSAPEVOLE E VOLONTARIA"! Solo dhi vuole ingannare o essere ingannato può arrivare pensare di opinare su questo "Annuncio"!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog