Cerca

Troppo rigore

Le imprese bocciano Monti: "Non è il nostro futuro"

Il presidente Squinzi: "Al governo tecnico do tra il 5 e il 6, serve un esecutivo politico. Pareggio di bilancio esagerato". La patrimoniale? "Sì solo se esclude le aziende"

Mario Monti

 

Una bocciatura piena, al di là del voto, "un tra il 5 e il 6", che il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi assegna al governo Monti. Il leader degli imprenditori, partecipando al confronto con la segretaria della Cgil Susanna Camusso a Serravalle Pistoiese, ha usato moderazione ma la sua critica all'esecutivo, all'indomani della spending review, è pesante e riguarda le misure passate e recenti. Ma pure il futuro, che, sottolinea Squinzi, "non può essere del governo tecnico".

Bocciatura - "Sarei per un 6 meno meno, o tra il 5 e il 6. Vediamo cosa succede nelle prossime settimane". E’ il giudizio in numeri del presidente di Confindustria, più generoso del "gravemente insufficiente" espresso dalla Camusso. Ma Squinzi si dimostra tutt'altro che entusiasta di questi 8 mesi "tecnici": "Il mio giudizio è sospeso - spiega -. Mi aspettavo alcune cose che non si sono ancora realizzate. Ad esempio, non è stato fatto nulla per sostenere la ricerca". Anche da qui, la porta chiusa ad eventuali proroghe del governo dei professori oltre il 2013. "E' una parentesi ma non può essere il nostro futuro", con tanti cari saluti alle tentazioni centriste di Pierferdinando Casini (e forse a quelle del democratico Pierluigi Bersani). "Non possiamo farci governare da dei tecnici punto e basta. Credo che abbiamo bisogno di un governo capace di fissare obbiettivi e indicare strade". Il Monti-bis, dunque, potrebbe essere un'opzione ma solo a patto che assuma una "fisionomia politica". Insomma, i partiti devono metterci faccia, uomini, idee. 


Troppo rigore - Che il clima, tra le imprese, sia teso e di palpabile delusione per le misure adottate da Monti lo conferma anche il fronte comune con la Camusso: "Dobbiamo evitare la macelleria sociale, di quello che ha detto la segretaria io condivido praticamente tutto". Il rigore lacrime e sangue dei tecnici lascia perplessa Confindustria. "E' vero che noi non dovevamo più vivere come cicale ma per l’Italia l'obiettivo del pareggio di bilancio penso che sia stato decisamente esagerato - incalza Squinzi -. Con il pareggio di bilancio il risultato è la depressione dei consumi interni, che è drammatica". Servono soldi, la soluzione potrebbe essere una patrimoniale? "Se non tocca le imprese, mi sta anche bene". Più che un consiglio, quello di Squinzi a Monti sembra quasi un diktat.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pinux3

    09 Luglio 2012 - 12:12

    Prima di parlare di Napolitano che se ne fregherebbe della Costituzione e avrebbe fatto un "golpe", vedi di STUDIARTELA la Costituzione (l'Italia è una REPUBBLICA PARLAMENTARE, ergo se il PdC ha la FIDUCIA del Parlamento è pienamente legittimo...), così scriverai meno minchiate...

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    09 Luglio 2012 - 09:09

    a dire la verità nemmeno il nostro passato. Ritengo che una persona così scalcinata,priva di intelligenza,sobria sotto tutti gli aspetti(ricca però)amimica(neanche Andreotti riesce a batterlo),pavida e in definitiva dannosa(molto) solo una mente perversa come quella del COMUNISTA SMESSO(ma ricco) del nostro molto poco amato presidente poteva rifilarcelo. Berlusconi che errore hai fatto!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • dionisio.attanasio

    09 Luglio 2012 - 08:08

    Ci mancherebbe altro che Monti sarebbe il nostro fututo,vogliamo la rovina completa,non basta quelle che ha fatto? deve fare ancora danni?

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    09 Luglio 2012 - 02:02

    davvero che vuol fare il Politico senza beccarsi lamentele e critiche?Senti chi parla:valeva solo quando si sputtanava Silvio Berlusconi...e lui vuol fare il Politico, ma per chi Pappagone?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog