Cerca

Professore e stratega

Il piano di Monti: premier anche dopo il 2013

Mario Monti

 

Dietro al "vietato criticarmi" lanciato all'indirizzo del presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, Mario Monti nasconde un ricatto ben più consistente: vuole restare premier anche dopo il 2013. Non con un accordo di "congelamento" come pensato, sussurrano in molti, dall'Udc, ma con un sostegno politico guadagnato al centro, naturalmente, e nel Pd. Proprio Casini (con Montezemolo a latere) e Bersani, non è un segreto, pensano al professore per una coalizione politico-tecnica da proporre agli elettori. E Futuro e Libertà di Gianfranco Fini pronto, pur di non sparire, ad appoggiare la creatura.

Se ne parla a settembre - Con una carta in più da giocare: l'appoggio dell'Europa. Perché l'Ue, e anche questo non è un segreto, preme per avere Monti alla guida dell'Italia. Secondo i poteri forti a Bruxelles e Strasburgo (e Francoforte, sede della Bce) solo Mario è in grado di garantire all'Unione un futuro, grazie all'attività di mediazione su Angela Merkel e Berlino per la riforma delle istituzioni e dei patti continentali. "Io nel 2013? Vedremo, a settembre", avrebbe confidato lontano dai microfoni Monti ad Aix en Provence, ospite di un incontro con alcuni dei grandi protagonisti della politica e dell'economia europea. "Penso che se dessi oggi una disponibilità non farei del bene al mio governo". Eccola, la preoccupazione del prof: finire il lavoro nel migliore dei modi, garantendosi una maggioranza placida. Tanto placida che una parte di quella maggioranza potrebbe sostenerlo anche quando non sarà più un tecnico, ma "semplicemente" un candidato premier.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Renatino-DePedis

    12 Luglio 2012 - 11:11

    il tuo ultimo commento è l'apoteosi delle stronzate. non volevano silvietto perchè l'incapace non faceva nulla per fare uscire il paese dalla crisi, secondo lui ne eravamo gia usciti da molto e meglio degli altri. l'unica cosa che hai intuito, e vagamente, è che le riforme di Monti sono decisamente di destra, ovvero Monti sta facendo cose di destra, quelle che il satrapo non ha saputo ne voluto fare. povero, secondo te silvietto ha tutto il mondo contro.

    Report

    Rispondi

  • gallorosso

    10 Luglio 2012 - 08:08

    Questo e' un governo non legittimato dagli elettori e dai cittadini Italiani, dobbiamo tornare presto alle urne questo e' quello che si deve fare in uno stato democratico non devono esserci strategie e giochi di potere in democrazia, mi spiace che il presidente di Confindustria abbia fatto un passo indietro, secondo il mio parere aveva dato un voto giusto a questo governo.

    Report

    Rispondi

  • dionisio.attanasio

    10 Luglio 2012 - 07:07

    Ma non scherziamo, ci mancherebbe altro, sopportarlo per altri cinque anni, immagginate quanti guai combina in quei cinque anni?

    Report

    Rispondi

  • Liberopensatore1950

    10 Luglio 2012 - 07:07

    Questo golpe da parte della Dittatura Finanziaria, deve aver già comprato molti adepti siccome la maggior parte delle persone, evidentemente, non si sono accorte di alcun miglioramento ne a livello Satatale e men che mai famigliare. Ma le sette, trovano sempre dei bamba da turlupinare. Volete il Duce?! Tenetevelo, ma non iangete dopo. Questo, fra l'altro, non è neppure un duce per come lo si intende, è subdolo e falso come il peggior traditore della Patria che vende il proprio Paese per quattro soldi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog