Cerca

Il voltagabbana

Fini sta per scomparire: gli resta solo Bersani

Fli al 2%, Gianfranco disperato: "Siamo apolidi della politica. Moderati? Espressione che non mi dice più nulla". Per questo nel 2013 andrà con il Pd

Le accuse dei suoi: "Hai dimenticato tutte le nostre battaglie, così è un disastro". E intanto Bocchino è sempre più all'angolo
Bersani e Fini
Lui definisce quelli di Futuro e Libertà "apolidi della politica" per pararsi la schiena da accuse ben più volgari. Eppure la strategia di Gianfranco Fini ormai fa acqua da tutte le parti. Il Fli da ipotizzata (dal presidente della Camera) forza trainante di un nuovo centrodestra senza Silvio Berlusconi si è ritrovato nel giro di un anno e mezzo a percentuali nei sondaggi sempre più vicine ai prefissi telefonici (oggi lo danno al 2%, e pure calante). Non è chiaro se questa crisi senza uscita sia la causa o la conseguenza di una  perdita di peso politica irrimediabile: altro che forza trainante, i futuristi sono un peso morto per Pierferdinando Casini, il vero leader dei moderati. Non tanto per i numeri (l'Udc non ha fatto boom nei sondaggi pre-elettorali) ma per la capacità di coagulare interessi, nomi, progetti. E' Casini il gran sostenitore di Mario Monti, è sempre Pierferdy il gran tessitore degli scenari del 2013, con tutte le ipotesi sul tappeto: Montezemolo, Bersani, Monti bis.

Con Bersani per sopravvivere - E Fini? Sta a guardare e fa due conti: con un misero 2%, se Fli correrà da solo, in parlamento non ci arriverebbe nemmeno. Bisogna arrangiarsi, turarsi il naso e salire sul carro dei possibili vincitori. E pazienza se su quel carro c'è anche Pierluigi Bersani, leader del Partito Democratico. L'ex missino Fini con il capo della sinistra? "L'espressione moderati non dice più nulla", è costretto ad ammettere Fini sulle pagine del Messaggero (il giornale del suocero di Casini, Caltagirone). Roberto Menia, che non si rassegna a scordare l'anima di destra del gruppo, rinfaccia all'amico il tradimento ideologico e nel frattempo contribuisce a ridimensionare sempre più il ruolo del falco (in confusione) Italo Bocchino. Gianfranco fa spallucce e bolla Menia come "pessimista cosmico". E fa finta di dimenticare le tante figure da voltagabbana su presidenzialismo (prima sì, poi no), lotta all'immigrazione clandestina (addio legge Bossi-Fini) e tutela della famiglia (con aperture alle coppie gay). Bersani e Casini perdoneranno pure, gli elettori no.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mocking

    10 Luglio 2012 - 13:01

    Presto sarà pronto per Montecarlo, dove potrà raccontare alla prole l'"Amarcord " del tempo che fu. Se poi volesse ,per non mollare le laute prebende,allearsi con bersanov,beh,sarebb veramente una fine ingloriosa da infame,che è quello che si merita.E addio Quirinale,for ever.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    09 Luglio 2012 - 20:08

    Libero,UN GRANDE GIORNALE,stia ancora a parlare di Fini...E' come una scurreggia rumorosa e puzzolente tirata in ascensore.Quando si aprono le porte esce la gente e pure la puzza....E non ne rimarrà che il ricordo...Ma piantatela li.

    Report

    Rispondi

  • PACCHE

    09 Luglio 2012 - 19:07

    x 19gig50, e speriamo si fermi al corteggiare, sai, a volte la disperazione.......e vendola è uomo aperto.

    Report

    Rispondi

  • toscano05

    09 Luglio 2012 - 18:06

    E veronon nella viata c'e' sempre qualcosa di nuovo, i vorrei poter vedere la faccia dei vecchi compagni ndel PC se Fini e fidanza con Bersani e vero per qualche voto in piu' si da via alche l'onore

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog