Cerca

Colle interventista

Napolitano supera tutti i limiti:
decide pure per il dopo mandato

Re Giorgio dopo Monti vuole un altro Monti: il capo dello Stato non molla e vuole decidere (ancora) il futuro dei partiti

Giorgio Napolitano

 

"È la sindrome del Quirinale: quando il presidente comincia a intervenire nel gioco politico poi non la finisce più. Se ne conoscono i sintomi fin da Giovanni Gronchi, ma da Sandro Pertini in poi sono saltati i freni inibitori. In Slovenia, poi, Giorgio Napolitano ha miscelato in maniera sapiente i poteri costituzionali con il peso politico: prima ha cancellato l’ipotesi di voto anticipato, poi ne ha anticipato i risultati, annunciando quale sarà la politica governativa non solo dopo le elezioni della prossima primavera, ma anche dopo la fine del suo mandato. Non escludo che i tanti commentatori pensosi, studiosi e per benino, oramai travolti da adorazione monarchica, la definiscano: lungimiranza", scrive Davide Giacalone su Libero in edicola oggi. Il punto è che Napolitano non molla e ha deciso: dopo Mario Monti come premier vuole un nuovo Monti. Il Colle entra a gamba tesa sul futuro dell'Italia e spiega: "I partiti non si illudano, il prossimo governo avrà gli stessi problemi di questo esecutivo, ossia debito e crescita". La soluzione di Napolitano? Non cambiare nulla. Ma come spiega Giacalone, questa volta Re Giorgio ha superato tutti i limiti: decide pure per il dopo-mandato.

Leggi il commento di Davide Giacalone su Libero in edicola oggi, mercoledì 11 luglio

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • busdel

    13 Luglio 2012 - 08:08

    ecco cosè il comunismo,con il quale io ho convissuto per 36 anni facendo l'importatore; ilo comunismo è prevaricazione da un personaggio poi che nel 56 firmò per l'invasione di Ungheria e Cecoslovakia ma come siamo caduti in bassoo saluti franz

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    12 Luglio 2012 - 07:07

    Bersani premier ma con quale coraggio e competenza? Illustri hanno fallito,mentre i professori hanno toppati con bluff e boomerang,ci dica chi gli spingerà il sellino e dagli 29 fiducie per Amministrare l'Italia,se con la“giosa macchina”e monocolori, Finanziamenti con salsicce al Festival de L'Unità il Giornalino copyright della Pravda è fallito per ben due volte? Bersani davvero l'Italia può permettersi di utilizzarlo,se prima ha scelto un collaboratore da fare Pena-ti, naturalmente senza scordare e non di non essere Lusi-ngati dell'affair“Margherita”con petali e veli strappati che c'era chi sosteneva di mangiare “Pane$Cicoria”ma scialacquavano in fiumi di champagne alle Maldive?Che cosa dire dei tanti illustri e patrioti,Mario Monti c'azzecca essere stato nominato Senatore a vita o solo per una parvenza Politica.Che cosa dire di Veltroni nominato Cavaliere,senza aver dati entrambi a sconosciuti Patrioti?Forse Bersani non ha capito che per Governare ci vogliono le Riforme a cui egli

    Report

    Rispondi

  • herbavoliox

    11 Luglio 2012 - 22:10

    caro Giorgio, ci sono momenti in cui bisogna saper tacere e lasciar parlare la democrazia. Come capo di stato dovresti saperlo o sei rimasto all'invasione dell'ungheria coi carri armati per far valere le ragioni? Non ci sto!

    Report

    Rispondi

  • carlozani

    11 Luglio 2012 - 18:06

    Re Giorgio come il suo predecessore ,Scalfaro, vuol decidere chi dovrà governare anche se si didichiara sopra le parti.Recentemente chiamato in causa per l'intervento a favore di Mancino ha detto:non ci stò '.Sicuramente dirà così anche questa volta. Carlo Zani

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog