Cerca

Alleanze

Silvio candidato spiazza la Lega:
rievoca lo spettro di Bossi

Maroni guardava con favore la leadership di Alfano, che era parallela alla sua. Dozzo: "Mai più quei lunedì di Arcore"

Silvio candidato spiazza la Lega:
rievoca lo spettro di Bossi

Il ritorno di Silvio Berlusconi come candidato premier del Pdl è, per la nuova Lega di Roberto Maroni, un'autentica fregatura. E' vero che Bobo ha detto e ridetto che quello delle alleanze è l'ultimo dei temi all'ordine del giorno, ma è altrettanto vero che l'ex ministro vedeva con favore un Pdl a guida Alfano e la possibilità che Angelino, tramite primarie o meno, giocasse da protagonista la partita delle politiche 2013. C'era, nella leadership di Alfano, un parallelo di rinnovamento a quanto andava accadendo nel Carroccio: dopo-Berlusconi a via dell'Umilta, dopo-Bossi in via Bellerio. Così, invece, non sarà, anche se ancora ieri sera i leghisti, in primis il capogruppo alla Camera Gian Paolo Dozzo, si rifiutavano di credere a un ritorno in pista del Cav. Per i maoniani è un problema, perchè fa svanire le ipotesi, se non di un'intesa in tempi brevi, quanto meno di una prospettiva a fianco del Pdl. Non che Maroni e i suoi, come scrive oggi il Corriere, ce l'abbiano con Berlusconi. E' che nominare il cavaliere vuol dire nominare Umberto Bossi: e nominare il Senatùr è, nella Lega 2.0, la cosa che più di ogni altra bisogna evitare: "Se solo penso al ritorno della vecchia pratica del "ci mettiamo d'accordo lunedì ad Arcore mi vengono i brividi" dice Gian Paolo Dozzo. Più chiaro di così...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • geofono

    12 Luglio 2012 - 15:03

    due leaders per gestire le case di riposo

    Report

    Rispondi

  • antari

    12 Luglio 2012 - 12:12

    a mio avviso non e' tanto che si nomini Bossi (a seguito del nominar Berlusconi) quanto piuttosto che Maroni non piaccia ai leghisti. Se Maroni lavorerà bene, Bossi posson nominarlo quanto gli pare. Se Maroni lavorerà male, il confronto con Bossi sarà inevitabile, Silvio o non Silvio, ed allora la gente leghista scorderà i molti errori di Bossi e rinfaccerà a Maroni i propri. Secondo me e' cosi'.

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    12 Luglio 2012 - 12:12

    malgrado quello che è successo, deplorevole, malgrado non abbia mai condiviso tutto della Lega, ma molte cose erano giuste e se fossi Bossi rifarei una nuova Lega con altro nome così darompere le palle allo spazzatore traditore.Maroni come fini e casini un tempo erano qualcuno avevano speranze di crescita nella politica, ora sono solo tre traditori che nessuno vuole, e se per caro qualcuno si allea con loro lo fanno molto malvolentieri ma solo per avere voti , dopo ognuno per conto proprio. I traditori rimarranno sempre dei falliti per tutta la vita.

    Report

    Rispondi

blog