Cerca

Il logo creato da un imprenditore di Forlì

"SiAmo Italia": ecco il partito che Silvio vorrebbe

Berlusconi avrebbe finalmente trovato un nuovo nome per il suo partito. E lo pagherebbe oro

L'imprenditore Sauro Moretti  che ha creato lo slogan ma lo offrirebbe anche a Casini o Montezemolo. Ma Silvio avrebbe venduto Ibra per poterlo comprare
"SiAmo Italia": ecco il partito che Silvio vorrebbe

 

"SiAmo Italia": Potrebbe essere questo il nuovo nome del Pdl. Silvio Berlusconi, ormai sicuro candidato del maggior partito di Centrodestra, sarebbe intenzionato a scendere in campo con un logo fresco e immediato, che abbia tutte le caratteristiche per far immedesimare l'elettore e farlo vincere. E se più volte si era espresso contro l'attuale nome del suo partito, il Pdl - "troppo lungo" e poi la sigla "non funziona" - pare finalmente aver trovato di meglio. E a suggerirglielo sarebbe stato Vittorio Sgarbi, mica una "capra" che di gusto non ne ha! 

 

Logo vincente - Lo riporta Novella 2000: il logo del nuovo partito, che sapevamo avrebbe dovuto avere "Italia" nel nome dalle dichiarazioni del Cav, potrebbe essere quello creato dall'imprenditore di Forlì Sauro Moretti: "Siamo Italia". L'immagine sembra perfetta, pulita: due parole, tre colori. "SI" in verde, "AMO" in rosso, "ITALIA" in bianco: un'ode alla patria, che ha in sé il tricolore ed è leggibile tanto una dichiarazione d'amore ("Sì amo l'Italia") che di appartenenza ("Noi siamo Italia, l'Italia"). E c'è anche pronto lo slogan: "Noi che siamo positivi, noi che lavoriamo, noi che produciamo ricchezza, noi che amiamo il nostro Paese. Noi SiAmo Italia". Cosa potrebbe volere di più Silvio? Sgarbi, che è un grande amico di Moretti, ne sarebbe rimasto così colpito da segnalarlo direttamente a Berlusconi, che pare intenzionato a farlo suo.

 

Asta aperta - Moretti, a dispetto di quanto si potrebbe pensare, non è un attivista Pdl; anzi, è stato consigliere comunale Pd e, sebbene deluso, non ha cambiato del tutto sponda. Al giornale ForlìToday che l'ha intervistato, dichiara infatti che il suo simbolo, già registrato in tribunale, è aperto non solo a Berlusconi ma anche Casini o Montezemolo: "E' un vero e proprio progetto politico concreto, pensato a seguito di una valutazione fatta su tutto il Centrodestra e sul mondo politico in genere. Il Pdl è imploso e potrebbe trovare interessante questa nuova 'casa', ma il marchio potrebbe essere appetibile anche per Montezemolo. Ho iniziato questo lavoro dopo l'incontro di poco tempo fa con Berlusconi. Sulla scia delle celebrazioni del 150esimo dell'Unità d'Italia ho scelto una caratterizzazione patriottica, in questo senso forse il movimento è di destra", dice. Silvio, però, non parrebbe disposto a dividere il simbolo con alleati più o meno scomodi (gli ultimi gli sono bastati?). Si dice infatti che pagherebbe una cifra altissima per averlo in esclusiva, tanto più che dichiarazioni come quelle di Moretti aizzano la concorrenza. Novella ipotizza addirittura che il Cav stia vendendo le sue stelle del Milan, Ibrahimovic e Thiago Silva, per incassare 65 milioni di euro e fare shopping elettorale. Dalla sua Sauro Moretti, da sempre grande tifoso dell’Inter, avrebbe poi raccontato agli amici che per riavere Ibra tra i neroazzurri sarebbe disposto a regalare “SiAmo Italia” al Cavaliere.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sommesso49

    13 Luglio 2012 - 10:10

    Mi piacerebbe che il simbolo fosse sempre rotondo (come una bolla di sapone); che in basso fossero raffigurati un'Italia con tratti scheletrici animata da tanti straccioni (gli italiani); che in alto fosse raffigurato, in splendida forma, l'on. Berlusconi dalle cui labbra uscissero la seguenti parole: "Io sono Io e voi non siete un cazzo!"

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    12 Luglio 2012 - 22:10

    Che cazzata!!!

    Report

    Rispondi

blog