Cerca

Il retroscena

Vertice a Salina sulla legge elettorale
L'intesa tra granite di fichi e gelsi neri

Il democratico Enzo Bianco invita Quagliariello alle Eolie per trovare un accordo sulle nuove regole per il voto

Vertice a Salina sulla legge elettorale
L'intesa tra granite di fichi e gelsi neri

Nel 2003 Roberto Calderoli invitò tutti in una baita, sulle montagne del Cadore per siglare l'accordo sulla devolution e la rifornma della Costituzione. L'invito era rivolto ai saggi della Casa della Libertà, ma andò male perché le decisioni furono abrogate con un referendum. Adesso ci riprova Enzo Bianco. Diversa la location, diversi i protagonisti, diversi i contenuti dell'incontro. Adesso si tratta di dar vita a un nuoco sistema elettorale le cui regole non dovranno essere confermate da una consultazione popolare. Come rivela la Stampa, dunque, Bianco ha invitato Gaetano Quagliariello a Salina per trovare l'intesa davanti a una granita di fichi e gelsi neri. "La distanze non sono incolmabili, c'è un progressivo riavvicinamento, con Quagliariello ci parliamo tutti i giorni e sono ottimista. C'è una forte spinta politica che viene dai vertici dei rispettivi partiti, anche dell'Udc. Alla fine...vedrete", dichiara Bianco al giornalista della Stampa "davanti a una bella granita, seduti a Punta LIngua, ragioneremo meglio". 

I tempi e i contenuti Secondo la road map fatta dallo stesso Bianco il 10 settembre il testo dovrebbe essere votato in commissione Affari costituzionali del Senato per essere poi apporvato in aula entro il 30 dello stesso mese, infine il passaggio definitivo in Senato ad ottobre. In pratica il Pd potrebbe accettare un premio di maggioranza da assegnare non alla coalizione, come vorrebbe, ma al partito che ottiene più voti. il Pdl potrebbe cedere sulle preferenze e dire sì ai collegi uninominali e a un premio di governabilità del 15 per cento. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    06 Agosto 2012 - 13:01

    Finche si tratta di fichi va quasi bene...Quando si tratta di gelso l'affare si complica.Se ne vanno tutti a ca***re.Si evitano referendum e costi...che di soldi ne abbiamo tanti.Speriamo sul serio che i fichi se le siano mangiati i camerieri.

    Report

    Rispondi

  • TommyRed

    03 Agosto 2012 - 18:06

    dovrebbero coprirsi con una foglia di fico, l'ennesimo oltraggio agli italiani, senza preferenze l'unico scopo dei componenti della Casta è di essere rieletti nei cosiddetti "collegi sicuri", o col 25% dei seggi con liste bloccate per garantire il posto ai vecchi notabili(la Casta). La voglia di votare Grillo cresce sempre di più, sono loro che alimentano l'antipolitica......

    Report

    Rispondi

  • Michele620

    03 Agosto 2012 - 14:02

    ma il viaggio chi lo paga e quanti giorni stara in sicilia ci sara pure la famiglia oltre i porta borse mi viene un dubbio che a pagare saremo sempre noi poveri disgrazziati

    Report

    Rispondi

  • fossog

    03 Agosto 2012 - 13:01

    Viaggio di sola andata per le eolie, spero che non tornino.

    Report

    Rispondi

blog