Cerca

L'appello del leader Sel

Diktat di Nichi a Pierferdy: o rinneghi il liberismo o tra noi non si fa nulla

Il Governatore della Puglia: con Casini abbiamo prospettive diverse. Di Pietro non si può tenere fuori

Diktat di Nichi a Pierferdy: o rinneghi il liberismo o tra noi non si fa nulla

"Casini, convertiti, il liberismo è  il diavolo" è l'appello che Nichi Vendola lancia in un’intervista a  La Repubblica al capo dell’Udc, ricordando che sono anche alcuni   dirigenti del Pd a vedere nel leader Udc "contraddizioni   irriducibili".  Dopidiché, afferma il leader di Sel, "io presento la mia   agenda. Casini la sua. Stiamo lavorando a due agende completamente   diverse". E nel programma di Casini "vedo la riproposizione di Monti   di qui all’eternità". Vendola non si fa illusioni sulla possibilità   di andare d’accordo su diritti civili, matrimoni gay, fecondazione   assistita, testamento biologico: "A me sembra fantapolitica". Il presidente della Puglia rileva che sulla dei sindaci del   centrosinistra "si è aperta tra loro la discussione" mentre "è   innaturale tenere l’Idv fuori dal cantiere della sinistra" e "punto   sulla ricomposizione". Quanto a Ferrero, leader del Prc, che spera che  Vendola ci ripensi, lui replica: "E' rimasto attaccato a idee   immobili. Non si può inseguire l’obiettivo di essere i migliori   perdenti".

 

Le condizioni di Nichi Per Vendola comunque il centrosinistra si deve "allargare" e "proporre punti chiari e forti". In questo contesto, "se Casini accetta di fare subito una legge sulla rappresentanza sindacale, se condivide con noi di liberare l'Italia dalla sua ipoteca culturale, di avanzare sul terreno dei diritti civili, dai matrimoni gay, alla fecondazione assistita, al testamento biologico, se decide di difendere l'Europa dai diktat della troika. Ma accetta secondo lei? A me sembra fantapolitica". Sempre sul fronte delle possibili alleanze, secondo Vendola "è innaturale tener fuori l’Idv dal cantiere della sinistra. Molti investono sulla lacerazione del rapporto, io, pur non condividendone lo stile, peraltro esacerbato dai provvedimenti profondamente sbagliati passati in Parlamento, punto sulla ricomposizione". E conclude rilanciando il dialogo col Pd e ricordando che "la scommessa di Sel" è nata "per chiudere con l’epoca delle due sinistre, una riformista l'altra radicale, e per contribuire a una soggettività nuova, plurale, postideologica". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ambastianelli

    05 Agosto 2012 - 15:03

    mi piacerebbe sapere quale sara' la reazione degli Italiani alle urne,il TRIO BCV,ha gia' deciso quali poltrone occupare....e mi chiedo...pensano di avere a che fare con degli alieni....con dei deficenti...oppure con un popolo che non ne puo' piu'di vedere queste facce ormai paragonabili ai mobili e supellettili varie destinate ad andare in cantina? POPOLO SVEGLIA!!!! e' l'ora del riscatto!!!

    Report

    Rispondi

  • ambastianelli

    05 Agosto 2012 - 14:02

    mi piacerebbe sapere quale sara' la reazione degli Italiani alle urne,il TRIO BCV,ha gia' deciso quali poltrone occupare....e mi chiedo...pensano di avere a che fare con degli alieni....con dei deficenti...oppure con un popolo che non ne puo' piu'di vedere queste facce ormai paragonabili ai mobili e supellettili varie destinate ad andare in cantina? POPOLO SVEGLIA!!!! e' l'ora del riscatto!!!

    Report

    Rispondi

  • encol

    04 Agosto 2012 - 17:05

    E pure tutti gli altri è sufficiente garantire loro una poltrona a vita.

    Report

    Rispondi

  • opinione-critica

    04 Agosto 2012 - 16:04

    Casini è un trsformista e un'opportunista. Non capisco perche il PDL gli dia tanto valore. Casini non rappresenta i cattolici, siano essi di destra o di sinistra. Casini è nel partito dei trasformisti: oggi qui, domani lì..adesso non si allea con il PD perchè c'è Vendola, dopo le elezioni, dice lui, si potrà alleare col PD ma Vendola continuerà ad esserci. Allora che differenza fà? Perchè il PDL non smaschera questi opportunisti della politica ma continua a corteggiarli? Il partito e gli elettori UDC sono trasformisti. Al PDL interessano i voti dell'UDC ma deve stare attento: l'ex asse Fini-Casini dimostra che Casini se si mette male molla i compari di viaggi pur avendo notevoli affinità. Ora non si allea con Bersani per non scontentare qualche ingenuo elettore e qualche prelato protettore; ma domani si frasformerà, lo a pure annunciato. Il trasformismo è duro a morire, la coscienza civile è difficile da mantenere: questo insegna Casini.

    Report

    Rispondi

blog