Cerca

Guerra al Quirinale

Il Pd stronca Di Pietro: "Disperato, grottesco". Ma anche l'Idv si spacca: "Non si può andare avanti così"

Le reazioni a sinistra dopo le accuse di Di Pietro a Napolitano. Boccia: "Ora è pure craxiano". Finocchiaro: "Il presidente non lo può giudicare lui". E nel partito c'è aria di fronda

Il Pd stronca Di Pietro: "Disperato, grottesco". Ma anche l'Idv si spacca: "Non si può andare avanti così"

 

Di Pietro contro Napolitano, tutti gli altri contro Di Pietro. Le parole del leader Idv su Napolitano ("Aveva ragione Craxi, e Giorgio sapeva", ha detto l'ex pm a proposito del finanziamento illecito del Pcus russo al Pci italiano) hanno come prevedibile scatenato un putiferio soprattutto a sinistra. Il democratico Francesco Boccia parla di una "disperazione totale" del leader Idv che "pur di dedicare la quotidiana offesa al capo dello Stato, diventa anche craxiano. Ovviamente - aggiunge - dopo aver offeso per vent'anni lo stesso Craxi sia in vita che in morte". Anna Finocchiaro, presidente dei senatori Pd, si dice incredula per un attacco "inaccettabile e grottesco": "E’ un atteggiamento che posso spiegare solo con il fatto che ha intenzione di proporsi come il più eretico, anti-istituzionale protagonista della vita politica italiana. E mi lasci dire, protagonista è una parola grossa". La spaccatura tra Di Pietro e Pd è ormai totale, tanto che Pierluigi Bersani ha ribadito ancora una volta come Tonino abbia "preso un'altra strada". E anche il figlio di Bettino Craxi, Bobo, ha criticato Di Pietro per "l'utilizzo meschino e pretestuoso delle riflessioni fatte da mio padre, ormai vent'anni orsono, per una polemica contro il capo dello Stato". 

Idv spaccato - Ma Di Pietro è sempre più isolato anche all'interno del suo partito, l'Idv. Solo i falchi Pedica e Barbato lo sostengono a spada tratta, il capogruppo alla Camera Massimo Donadi (che sabato scorso aveva definito il segretario "scodinzolante dietro a Grillo") tace ma, riferiscono alcuni esponenti Idv, sia assai seccato dalla linea sempre più fragorosa e anti-istituzionale seguita dall'ex pm. Elio Lannutti, in uscita dal partito, attacca: "Non so come si può andare avanti così... ma come si fa a dare ragione a Craxi? E' una cosa imbarazzante".

 

 

 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • doveteandarvene

    07 Agosto 2012 - 16:04

    c'e chi scoppia a dx e chi scoppia a sx...ma ve ne siete accorti che nessuno dico nessuno si sta preoccupando del paese che va a rotoli?...si preoccupano solo di salvare la loro faccia o il culo che poi e' la stessa cosa...ma io dico non preoccupatevi tanto il popolo sovrano vi sta riservando una gran bella sorpresa per tutti Voi...una bellapedata in culo....cosi non vi preoccupate piu...di fare alleanze e scissioni...morti di fame...

    Report

    Rispondi

blog