Cerca

Riforme a senso unico

La Fornero bastona gli esodati
ma chiude gli occhi sulla casta

Nessuna pietà per chi vorrebbe andare in pensione dopo 35 anni di lavoro. Invece per i gli onorevoli valgono i «diritti acquisiti»

La Fornero bastona gli esodati
ma chiude gli occhi sulla casta

di Giuliano Zulin

Chissà se gli esodati hanno passato le vacanze in Costa Smeralda o alla fortezza di Bard in Valle d’Aosta, come Elsa Fornero... La ministra del Welfare ha potuto riposarsi, dopo gli errori commessi negli ultimi mesi, e dall’alto delle montagne valdostane è riuscita a dire: «Abbiamo salvato il Paese». Peccato che le riforme «storiche» che ha fatto approvare - lavoro e pensioni - non stiano in piedi. La prima, come hanno sostenuto gli esperti del settore, ha già creato numerose disdette di contratti. L’altra, quella previdenziale è addirittura peggio. Farà risparmiare miliardi, ma intanto ha creato gli esodati, una categoria frutto  di uno sbaglio di valutazione della  Fornero. Uno scherzo che ha gettato nella disperazione 350mila (ex) lavoratori e  messo in gravi difficoltà migliaia di aziende.   

Fortunatamente la riforma contiene l’impegno di valutare entro il 2012 l’assetto di lungo termine del sistema pensionistico. L’analisi dovrà essere effettuata da una commissione, che tuttavia non è ancora stata costituita. Bene, c’è comunque la possibilità di intervenire per garantire quell’equità di cui tanto ha parlato Mario Monti nei mesi scorsi. Com’è possibile che un essere umano che ha sgobbato per 35 e più anni ora si veda trattare come un esodato, ovvero un reietto della società? Quando invece i politici  in carica potranno godere di due pensioni? Lor signori potranno godere infatti dell’assegno da parlamentare, più che legittimo, e di quello da professionista, che matureranno grazie ai contributi figurativi. Ovvero quelli pagati con i soldi degli italiani. Anche parecchi sindacalisti potranno godere di pensioni senza aver scucito un euro durante la loro attività. 

Le somme che lo Stato ha speso per mantenere queste categorie di privilegiati ammontano a qualche miliardo di euro. Perché la Fornero non ha tagliato questi benefit? Si dirà: sono diritti acquisiti. Sì, ma anche le pensioni sono diritti acquisiti, eppure da gennaio è calata la mannaia sugli assegni di poco superiori ai mille euro. La ministra ha anche pianto in diretta tv mentre spiegava la sua riforma. A qualche centinaio di metri di distanza da Palazzo Chigi c’era invece gente che rideva, i deputati. La possibilità di portare a casa un doppio gruzzolo non è minimamente stata toccata. È comprensibile che i tecnici non abbiamo mai intenzione di tagliare la Casta, visto che sono proprio i voti di deputati e senatori che tengono in piedi questo governo. Tuttavia non è più tollerabile che i tagli vadano sempre a colpire i contribuenti onesti, impossibilitati a difendersi o a scappare dall’Italia, mentre invece i palazzi della politica - da Bolzano a Palermo passando per Roma - rimangano sempre intoccabili. 

Se poi torniamo al capitolo pensioni, va ricordato che non sono soltanto gli esodati che pagano il conto per far bello Monti in Europa. Gli stessi professionisti - dagli avvocati agli ingegneri e architetti, dai veterinari ai ragionieri e consulenti del lavoro - stanno per subire una botta tremenda. Entro poche settimane le loro Casse dovranno adattarsi alle nuove regole imposte dalla Fornero.  In pratica aumenteranno i versamenti previdenziali e si allungheranno  i tempi per andare in pensione. Ad esempio la cassa previdenziale degli avvocati dovrebbe approvare un aumento della contribuzione a carico del singolo professionista fino al 14-15% nel 2013 e l’anticipazione dell'aumento della contribuzione integrativa che verrà inserita nella parcella. Così si garantiranno la pensione, ovvero lo stesso assegno di cui beneficerà anche un parlamentare che l’avvocato l’ha fatto invece solo a tempo perso.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • poveretto

    24 Agosto 2012 - 14:02

    sono un esodato, forse un fortunato, forse uno 65mila "tutelati", oggi siamo quà a giudicare la Fornero per l'infamia del suo operato, ma non tutti sanno che una condanna a morte per fame l'aveva già emessa il governo Berlusconi con la legge Sacconi che ha portato la "finestra" da tre a 12 e più mesi lasciando quelli che CREDEVANO di aver sottoscritto un patto STATO, azienda e sindacati senza nessun reddito per 10 mesi (nemmeno la mobilità) e pensare che anche allora come oggi il nostro grande Presidente della repubblica ha firmato la legge rappresentando cosi degnamente, si fà per dire,lo Stato, la costituzione e il volere degli Italiani...Che schifo

    Report

    Rispondi

  • violacea

    23 Agosto 2012 - 23:11

    e' ora di abolire il parlamento e il governo statale!! creatore di debito pubblico e clientelismi vari!! servono a nulla, solo a se stessi !!x governarci bastano le regioni con i loro amministratori !! ogni regione si fa carico di tutto quello che serve x i propri cittadini!! chi avanza si cerca un altro lavoro!! che e' ora!! basta statali in tutti i sensi!! basta doppioni da mantenere!! sulle schede scrivete: tutti a casa, siete solo un mucchio di emme!!! e le aziende tutte private che e' ora!!

    Report

    Rispondi

  • leo2958

    23 Agosto 2012 - 19:07

    Cara Fornero,potresti mettere mani alle pensioni dei tuoi collaboratori della politica?,sarebbe un gesto che darebbe credibilità alle tue lacrime e ai tuoi intenti di rettitudine,nel disegnare una nuova via di tassazione sui lavoratori dipendenti, forse un pò piu" coerente con il momento che VIVE IL PAESE!!!. Leonardo Belardi

    Report

    Rispondi

  • elioselios

    23 Agosto 2012 - 18:06

    È vero che quasi tutti gli attuali (si fa per dire) onorevoli, se la spassano alla grande con i soldi degli elettori, pero il non votare , a mio modo di pensare, non serve o serve poco, invece votare e invalidare il voto è molto più utile 1) perche ci si conta 2) se veramente (come spero) sono tanti i voti invalidati, non si legittima chi ha la presunzione di essere il primo partito con la maggioranza proporzionale.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog