Cerca

Lega in fibrillazione

Zaia, orgoglio Veneto: "Una Pontida anche da noi"

Il governatore: "Noi crediamo nella nascita di una macroregione del Nord, ma non saremo mai al traino della Lombardia"

Zaia, orgoglio Veneto: "Una Pontida anche da noi"

Ormai è ufficiale. Luca Zaia è il "picconatore" della Lega. Il presidente del Veneto, oggi, è tornato sul tema delle feste padane per ribadire che "il tempo dei riti padani è finito". E che quella Lega (più bossiana che maroniana) non esiste più. "Un capitolo chiuso che si spera di non dover ripetere". Non contento, Zaia oggi è andato anche oltre, sfidando apertamente la componente lombarda del partito, a proposito di Pontida: "Se si fa Pontida in Lombardia, allora bisogna farla anche in Veneto. Se non la si fa in Veneto, non si vede perchè la si debba fare in Lombardia", tirando così una pugnalata all'amico Matteo Salvini e creando sicuro imbarazzo tra lo stesso Salvini e il parigrado veneto Flavio Tosi. Sempre in tema di "LOmbardia", Zaia boccia il progetto di una "superlombardia" a trazione milanese, ipotizzata nei giorni scorsi, tra gli altri, anche dal governatore Roberto Formigoni. "Io credo in una macroregione del Nord, ma noi in una 'superlombardia' non entreremo mai".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • iltrota

    28 Agosto 2012 - 20:08

    Caro leghista monzese, non le basta la rottura di koglioni che ci avete propinato per anni, a furia di citaare federalismo o secessione, a seconda di ciò che vi faceva più comodo? Quanto siete rimasti al governo negli ultimi anni? Che cosa avete realizzato in termini di federalismo? Scriva a chiare lettere i risultati (magari inizi dalle sedi dei ministeri proprio a Monza!!). Pagliacci !!

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    28 Agosto 2012 - 19:07

    dividiamo l'Italia in 3 macroregioni, poi visto che ci saranno differenze tra le regioni della macroregione dividiamo le macroregioni in regioni. Poi visto che ci saranno differenze tra le province, dividiamo le regioni in province, poi visto che ci saranno differenze tra le i comuni della stessa provincia dividiamo le province in comuni e avremo un'Italia perfetta. Ps. potrebbero nascere dissidi tra i quartieri dei comuni, in tal caso potremmo continuare la divisione, fino al singolo cittadino.

    Report

    Rispondi

  • il leghista monzese

    28 Agosto 2012 - 19:07

    Sa come si chiama quello che Lei ha malamente descritto nel suo commento? FEDERALISMO, STUDI STUDI UN PÒ . Saludos

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    28 Agosto 2012 - 17:05

    Sono veramente buffi questi legaioli ( o segaioli?): ma si, facciamo tante piccole macroregioni ognuna con la sua festa , il suo parlamento, i suoi riti pagani / padani...tanto qualche fesso che paga (Berlusconi!) per avere i nostri voti lo troviamo sempre!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog