Cerca

Il commento di Antonio Socci

Socci: Il Cav vince solo se resta dietro le quinte

Senza Berlusconi la sinistra ha perso il suo nemico e si è disintegrata: Silvio non tornerà. Ed è Alfano il miglior partito che l'Italia possa sposare

Sarebbe un errore macroscopico ricompattare la sinistra nella caccia al mostro berlusconiano
Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

 

"Ma veramente Silvio Berlusconi è così smanioso di “suicidarsi” - e forse danneggiare seriamente pure le sue aziende - per ributtarsi nel tritacarne della politica in prima persona? Ma chi glielo fa fare? Davvero è tanto desideroso, a 76 anni, di ricandidarsi per la sesta volta alla premiership e così subire - come ha confidato a qualcuno - la ripresa dell’attivismo delle procure su di lui e soprattutto, di sicuro, il solito circo mediatico che quotidianamente lo viviseziona e lo massacra? Si può credere che voglia proprio fare alla Sinistra l’immenso regalo di ricompattarla nella caccia al Mostro berlusconiano di sempre? Io non credo proprio", spiega Antonio Socci su Libero in edicola oggi. I motivi? Sono due. Il primo: Berlusconi può vincere soltanto restando dietro alle quinte. Il secondo: senza il Cavaliere la sinistra ha perso il suo nemico e si è disintegrata. Ecco perché, probabilmente (e giustamente), Silvio non tornerà. E' infatti Angelino Alfano il miglior partito che l'Italia possa sposare.

Leggi l'analisi di Antonio Socci su Libero in edicola oggi, mercoledì 29 agosto

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giampaolo

    26 Dicembre 2014 - 12:12

    Di certo un ritorno di Berlusconi sarebbe utile alla sinistra per ricompattarsi. L'odio nei suoi confronti è l'unico amalgamante per tenere unite le litigiose fazioni del PD, quella renziana e quella antirenziana e la incurabile, permanente lotta della cosiddetta "coalizione" di sinistra.

    Report

    Rispondi

  • TommyRed

    29 Agosto 2012 - 17:05

    Il Cav torna? benvenuto! tutti i cecchini sono pronti a sparare ad un primo passo falso. Tentato dal disastro elettorale delle amministrative, il Cav dimentica che per vincere ci vuole un casus belli. Forse è meglio che stia dietro le quinte, deve capire che è finito un ciclo. Il Cav vorrebbe rilanciare sul premio al partito per tentare l'ultimo bluff e sperare di vincere. Il Pd per presunzione sente odore di vittoria e ci sta. Con la nuova legislatura svanisce anche il sogno di diventare Presidente della Repubblica, i processi giudiziari preoccupano e si cerca disperatamente una via d'uscita. Al Cav conviene aspettare. Lo condannano? Dov'è lo scandalo nell' Italia dei raccomandati,ipocriti, perbenisti, ruffiani, crede davvero che per aver aiutato qualcuno perda il suo prestigio? (è un vizio di chiunque gestisca il potere a tutti i livelli). Non dia più spazio agli avversari per attaccare,si mobiliti da privato x creare occupazione e si ricordi che non tutti i mali vengono per nuocere.

    Report

    Rispondi

  • AGOUNTER

    29 Agosto 2012 - 12:12

    C'è una legge della chimica che dice che ad ogni azione corrisponde una reazione. Ecco cari intelligentoni non avete ancora capito, che l'antiberlusconismo non è nato per caso, ma semplicemente perchè c'era il berlusconismo, cioè un populista incantatore di serpenti, che avrebbe salvato l'umanità, arrivando addirittura a portare l'età media di una persona a 120 anni. Quanto a Socci, dice dellle cose talmente banali, che se fossi un elettore di centro destra ... mi toccherei. E' infatti lapalissiano che B. o chi per esso, nonostante tutto, potrà solo allearsi eventualmente con la lega.

    Report

    Rispondi

  • marco1927

    29 Agosto 2012 - 10:10

    oltre a quanto detto nell'articolo e nei post con cui concordo credo sia evidente a tanti ormai che una "NUOVA COSCIENZA" è nata nei cittadini, la gente ha per fortuna chiaro il momento storico e la soggettività politica di tutti i protagonisti. Nuovi orizzonti sono assolutamente possibili in quanto l'italia ha licenziato categoricamente la CASTA, ovvero tutti coloro che hanno fatto della politica una professione altamente redditizia per loro stessi e fortemente dannosa per il cittadino. se si dà per buona questa tesi viene da sé che nessuno di questi vecchi tromboni, da Fini a D'alema a Bersani etc.. sono proponibili, per poi non parlare del sig.Monti ed i suoi tecnici,"il peggior fallimento della nostra storia". Berlusconi credo sia un protagonista possibile ma lo potrà essere anche se non in prima linea e comunque se rimaniamo(come non spero) in europa e nell'euro 50 persone basteranno per il futuro Governo Nazionale, non serviranno centinaia di tromboni scrocconi, Colle incluso.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog