Cerca

Verso le primarie

Renzi come Reagan
Il motto è "Adesso"

La parola d'ordine del sindaco di Firenze ricorda il "The Time is now" dell'ex presidente Usa

Renzi come Reagan 
Il motto è "Adesso"

Come per Ronald Reagan nel 1980, il motto di Matteo Renzi è "adesso". "The time is now" si leggeva nella campagna elettorale americana, "Il nostro momento è adesso" sono le parole d'ordine del sindaco di Firenze che si prepara a vincere le primarie del Pd. La notizia è riportata da La Stampa. Renzi, ha scelto i suoi slogan in cui la parola chiave è appunto "Adesso" scritta in blu su manifesti bianchi. Si vedranno per la prima volta a Verona dove partirà la campagna elettorale del "rottamatore". Una somiglianza che pare una copiatura bella e buona. Il sindaco di Firenze in rotta con il Pd e che cerca di soffiare lo scettro a Pierluigi Bersani pesca dal passato per lanciare la sua campagna elettorale. Pesca sì dal passato, ma anche dal (quasi) presente: infatti lo slogan è quasi identico anche a quello di uno dei suoi rivali di oggi, Dario Franceschini, utilizzò sempre alle primarie del partito che si tennero del 2009. Renzi: il nuovo che, a cavallo di una fotocopiatrice, avanza inesorabilmente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • INCAZZATONERO69

    11 Settembre 2012 - 19:07

    Nulla da eccepire se non che il "giovane vecchio" della politica sè "svegliato" dopo il VAFFADAY e la crescita esponenziale del MoVimento 5 Stelle?Brutta copia di una rivoluzione già in atto da perte di questi ultimi.

    Report

    Rispondi

  • machete883

    11 Settembre 2012 - 19:07

    abbia almeno 1/4 delle palle di regan..ne avrà bisogno..ma lo elimineranno prima come hanno fatto con il silvio nazionale!!

    Report

    Rispondi

  • piccioncino

    11 Settembre 2012 - 17:05

    La pretesa di sofistica di originalità..a tutti costi (a prescindere)..mi pare alquanto banale e pretestuosa..Specialmente in coloro (e sono tantissimi..di bocca buona)..che si sono accontentati oppure accodati..per decenni..ad una classe politica (tutta o parte),..oltre che poco originale,..alquanto inetta, cialtrona..biecamente irresponsabile..Quello che, invece, si dovrebbe evidenziare sono.. i fatti..E qui, mi pare che, per la prima volta nella storia recente..un giovin di buone speranze..abbia avuto la lucidità, la dignità, il grande coraggio..di affrontare a viso aperto un terribile, radicatissimo moloch della nomenklatura ex/post-comunista..che nessuno aveva mai avuto avuto l'ardire di sfiorare..Quasi che emanasse energia elettrica fulminante..Allora..leviamoci il cappello davanti a questo nuovo personaggio..E speriamo..finalmente..di voltar pagina..Nel vero interesse di tutti..

    Report

    Rispondi

blog