Cerca

Pier fa Renzi

Bersani "rottama" i vecchi Pd
Arruola tre giovani sconosciuti

Esplode la rabbia della corrente di Fassino e Franceschini: Pier Luigi si vergogna di noi

Bersani "rottama" i vecchi Pd
Arruola tre giovani sconosciuti

Pierluigi Bersani vuol fare Matteo Renzi e punta su tre giovani suscitando l'ira dei big. "Si vergogna di noi", è stato il grido d'allarme lanciato dalla corrente di Dario Franceschini e Piero Fassino che mercoledì sera hanno riunito alla Camera parlamentari, amministratori e militanti,accusando di far tutto da solo. Compreso scelgiere la squadra di collaboratori per le primarie senza consultare nessuno. La notizia è stata pubblicata dal quotidiano La Repubblica, che dà conto della critica mossa in quella riunione dai bid: "Per carità, visto il tono della sfida di Matteo Renzi, è giusto così. Ma dovrebbe anche rispondere a chi ha tenuto il partito unito in questi tre anni, non siamo una zavorra". Bersani ha scelto tre giovanissimi: Tommaso Giuntella, 28 anni, consigliere a Roma terrà i rapporti con le associazioni e la società civile, Alessandra Moretti, vicesindaco di Vicenza e assessore all'Istruzione, sarà la portavoce del comitato, Roberto Speranza, 33 anni, segretario regionale in Basilicata sarà il coordinatore del gruppo. "Così Bersani si chiude invece di aprirsi all'esterno", dicono i fedelissimi di Franceschini e Fassino. Quella di Bersani è una scelta di "autorottamazione", un segnale di rinnovamento che gli elettori delle primarie dovranno constatare. La scelta ha tuttavioa creato moltissime polemiche all'interno del partito. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    21 Settembre 2012 - 18:06

    Cominci a rottamare partendo da se stesso!

    Report

    Rispondi

  • ketaon_01

    21 Settembre 2012 - 16:04

    Peccato che l'inutile Bersani rimane li. E' come un candelabro. Fa pena. Ed è ridicolo.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    21 Settembre 2012 - 12:12

    imitare i disastri di Prodi.Renzi ha ben capito la lezione:ha chiaramente detto alla7,che l'abolizione dello scalone Maroni fu un grosso danno , contro gli interessi degli italiani, solo per accontentare il parolaio rosso e Diliberto.Infatti , dopo anni ,la riforma pensionistica Monti è stata ancor più dura e in grave ritardo, con danni economici enormi.

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    21 Settembre 2012 - 12:12

    Che pena ..... bersani e la sua corsa al neonato per darsi una rinfrescata .... è proprio vero i partiti sono in agonia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog