Cerca

Alla festa dell'Idv

Pisapia come Vendola:
"Bimbi in adozione anche ai gay"

Il sindaco di Milano: meglio dei genitori omoesessuali che niente e Nichi al Papa: la morale confessionale non può diventare di Stato

Pisapia come Vendola:
"Bimbi in adozione anche ai gay"

 

"Il genitore omoesessuale è meglio di niente", lo ha detto il sindaco di Milano Giuliano Pisapia alla festa naziona dell'Idv a Vaasto. "Meglio avere dei genitori, anche se omosessuali, piuttosto che  non averne affatto", ha precisato. Un'affermazione che arriva il giorno dopo l'intervento di Benedetto XVI che ha chiesto ai partiti cattolici di non cedere sul tema della famiglia e  si inserisce in un filone che infamma la politica di queste ultime settimana. Qualche giorno fa Nichi Vendola aveva detto che avrebbe desiderato un figlio e,  in risposta al Pontefice ha detto: "La moral confessionale non può diventare di Stato". Anche Francesco Rutelli si era espresso in merito: "Se fossi un giudice affiderei un bimbo orfano a una coppia gay o anche a un gay single". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • biric

    25 Settembre 2012 - 09:09

    Ma a Milano è rimasto qualche milanese vero? Se si, batta un colpo.

    Report

    Rispondi

  • lella64

    25 Settembre 2012 - 08:08

    carissimo, ti sbagli di grosso.Si ,sono una donna sposata con 3 figli,no,non vado in chiesa a scambiarmi il segno di pace perche' sono atea e della chiesa non mi frega proprio nulla e in più sono una pediatra che ama i bambini e non sopporta che per colpa di qualche scellerato si possa condizionare la vita a esseri tanto fragili.A ME NON INTERESSA SE UNA PERSONA DIVENTA GAY X NATURA O PER SCELTA,NON è UN PROBLEMA MIO,MA CIO' NON DEVE CONDIZIONARE LA VITA DEGLI ALTRI.COME HO GIA' DETTO IL BAMBINO DEVE AVERE DEI PUNTI DI RIFERIMENTO BASILARI CHE LA COPPIA GAY NO PUO' DARE,VISTO CHE NORMALMENTE LE COPPIE SONO FORMATE DA UN UOMO E UNA DONNA E CHE QUANDO IL BIMBO ENTRERA' NELLA COSIDETTA SOCIETà SARA' OGGETTO DI SCHERNO ,LASCIANDO SEGNI INDELEBILI SULLA PROPRIA PERSONALITA'.PER CUI PRIMA DI PENSARE AI DIRITTI(?)DEI GAY ,PENSIAMO A TUTELARE I DIRITTI DEI BAMBINI,CHE MOLTE VOLTE NON VENGONO PRESI IN CONSIDERAZIONE.,E SACRIFICATI AL NOSTRO EGOISMO.UN AFFETTUOSO SALUTO

    Report

    Rispondi

  • lella64

    25 Settembre 2012 - 08:08

    carissimo, ti sbagli di grosso.Si ,sono una donna sposata con 3 figli,no,non vado in chiesa a scambiarmi il segno di pace perche' sono atea e della chiesa non mi frega proprio nulla e in più sono una pediatra che ama i bambini e non sopporta che per colpa di qualche scellerato si possa condizionare la vita a esseri tanto fragili.A ME NON INTERESSA SE UNA PERSONA DIVENTA GAY X NATURA O PER SCELTA,NON è UN PROBLEMA MIO,MA CIO' NON DEVE CONDIZIONARE LA VITA DEGLI ALTRI.COME HO GIA' DETTO IL BAMBINO DEVE AVERE DEI PUNTI DI RIFERIMENTO BASILARI CHE LA COPPIA GAY NO PUO' DARE,VISTO CHE NORMALMENTE LE COPPIE SONO FORMATE DA UN UOMO E UNA DONNA E CHE QUANDO IL BIMBO ENTRERA' NELLA COSIDETTA SOCIETà SARA' OGGETTO DI SCHERNO ,LASCIANDO SEGNI INDELEBILI SULLA PROPRIA PERSONALITA'.PER CUI PRIMA DI PENSARE AI DIRITTI(?)DEI GAY ,PENSIAMO A TUTELARE I DIRITTI DEI BAMBINI,CHE MOLTE VOLTE NON VENGONO PRESI IN CONSIDERAZIONE.,E SACRIFICATI AL NOSTRO EGOISMO.UN AFFETTUOSO SALUTO

    Report

    Rispondi

  • gicchio38

    25 Settembre 2012 - 08:08

    QUANTO MI FATE PENA.... POVERI POLENTONI.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog