Cerca

Grillo

Critica chi va in tv e Favia lo beffa: "Mi ci ha mandato lui"

Il leader 5 Stelle se la prende con camerieri e magazzinieri "miracolati" e con i suoi uomini che vanno in video. Il "ribelle" lo sbugiardia: "Quando mi invitavano lui l'ha sempre saputo"

Critica chi va in tv e Favia lo beffa: "Mi ci ha mandato lui"

Essere un moralizzatore è un mestieraccio: per fare le pulci agli altri e uscirne indenni occorre avere memoria d'acciaio e pochi scheletri nell'armadio. A Beppe Grillo forse difetta il primo requisito. Sul suo blog il leader del Movimento 5 Stelle ha accusato nuovamente tutti quei grillini che vanno in televisione per guadagnare notorietà e peso politico. In molti hanno letto il passaggio come riferimento diretto a Giovanni Favia, il consigliere emiliano che con un fuorionda trasmesso da Piazza Pulita su La7 ha scatenato il dibattito sull'assenza di democrazia nel Movimento. "Non mi sento chiamato in causa. Ma fu proprio Grillo a mandarmi in televisione", è la replica di Favia in una nota dal retrogusto velenoso.

Fuga dai media - E di fiele, nonostante la calma apparente nei 5 Stelle dopo la bufera dell'ultimo mese, ne scorre ancora.  "Successivamente - prosegue puntiglioso Favia -, quando ho accettato delle partecipazioni (in continua comunicazione con lui), l’ho sempre fatto previa consultazione diretta dei nostri simpatizzanti via social media, senza mai “privatizzare” la funzione che mi è stata data col voto. L’altro ieri a Parma sono stato “inseguito” da numerose troupe. Nonostante l’insistenza e l’accusa di “fuga”, ho parlato solo d’inceneritore. Perché ero lì per quello". 

Camerieri e magazzinieri - Su Facebook Grillo parlava sprezzantemente di magazzinieri e camerieri diventati politici grazie a lui e che ora peccano di superbia. "Non ho stima di chi lancia accuse senza fare nomi e cognomi, e mi pare non sia nello stile del M5S - prosegue Favia -. Ho fatto il magazziniere per un breve periodo quando avevo 15 anni, con l’obbiettivo di comprarmi il motorino. Ho fatto il cameriere qualche anno dopo, sempre per poche settimane, per mantenermi durante alcuni bellissimi viaggi attraverso l’Europa". Insomma, "nessuna delle professioni mi appartiene" ma qualche sassolino dalla scarpa salta fuori comunque.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gicchio38

    25 Settembre 2012 - 08:08

    E' SEMPRE PIU' BRUTTO E SPORCO DI LINGUA E DI PERSONA CHE PENSA SEMPRE E SOLO A CRITICARE GLI ALTRI MENTRE LUI SI ARRICCHISCE ALLA FACCIA DEI SUOI FIDI BURLONI COME LUI. AFFIDARE LA NAZIONE IN TALI MANI??? MI SUICIDEREI SUBITO PER LA VERGOGNA. PAROLA D'ONORE.

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    24 Settembre 2012 - 19:07

    Detto da uno che ha finto di dare dichirazioni a microfono spento,e una garanzia, uno che porta attacato addosso il cartello "saldi di fine stagione", e un esempio di limpidità.Un appello a gargamella bersani: questo tizio con voi si integrerà al meglio.

    Report

    Rispondi

blog