Cerca

Il caso Lombardia

La pagliacciata del Pd lombardo: minaccia le dimissioni per far cadere Formigoni

Ma con i suoi 21 consiglieri il centrosinistra non ha i numeri per mandare a casa il Governatore

La pagliacciata del Pd lombardo: minaccia le dimissioni per far cadere Formigoni

La Lombardia come il Lazio: il consiglieri d'oppisizione del Pd vorrebbero far cadere Roberto Formigoni, minacciano le dimissioni ma non hanno i numeri per far cadere il governatore lombardo.  Il segretario regionale del Pd Maurizio Martina chiede alla maggioranza un segnale perché si arrivi a una svolta come quella che, alla Pisana, ha portato alle dimissioni della Polverini. "Noi anche qui siamo pronti a fare il passo delle dimissioni come il Pd del Lazio, ma chiedo alla maggioranza di Pdl e Lega di battere un colpo perché la responsabilità è loro, i numeri sono numeri". In realtà la dimissioni dei ventuno consiglieri del Pd non sono sufficienti a provocare lacaduta del Consiglio regionale. 

La replica di Formigoni Per arrivare alle dimissioni del Governatore Roberto Formigoni, che è indagato dalla Procura di Milano per corruzione, servirebve che anche la Lega uscisse dalla maggioranza. "Con la vicenda del Lazio alle nostre spalle se oggi mi dicono che pezzi della maggioranza stanno valutando un cambio di passo noi ci siamo subito, ma loro dicano cosa vogliono fare", ha detto Martina.  Dal fronte delle opposizioni arriva la risposta dell'Idv con il capogruppo Stefano Zamponi: "Eravamo pronti a dimetterci tre mesi fa, quando lo abbiamo proposto dov'era marina? Il Pd allora non c'era...". Il consigliere regionale di Sel Giulio Cavalli ha detto: siamo pronti a dimetterci, ma un segnale forte deve arrivare dalla Lega.  Immediata la replica del governatore Roberto Formigoni: "Chi è questa signora Martina? In caso di dimissioni credo che ci saranno delle surroghe e subentreranno i secondi degli eletti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • CICCI1938

    26 Settembre 2012 - 12:12

    Ma che fine ha fatto l'inchiesta su quel alanuomo di PENATI. Se al suo posto fosse stao uno del centrodestra staebbero già facendo il processo.Per lui no e rischia di non essere processato perchè il tutto verrebbe prescritto. CHE VERGOGNA BRSANI

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    25 Settembre 2012 - 23:11

    Non è che mi sia tanto simpatico il Formigoni, ma almeno con lui c'è la certezza che la regione rimane la più virtuosa, infatti piaccia o non piaccia ai compagnoni sinistri che sbavano per prenderne il posto, la Lombardia è quella che spende meno pro-capite delle 21 consorelle molto più spendaccione, specialmente quelle del bordelloland, da sempre in deficit spaventosi. Se i sinistri prenderanno le redini, che ci salvi Iddio, la Lombardia perderà sicuramente il primato della più virtuosa in quanto a costi e riusciranno a rendere tutto più burocratico, più costoso, più farraginoso con personale inutile, insomma proseguirà nella sua opera dove più eccelle: quella di creare stipendifici inutili che però saranno grandi serbatoi di voti. (Come in sicilia appunto)

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    25 Settembre 2012 - 19:07

    oggi si replica in Lombardia.Si ricorda a tutti che è una finzione,loro fanno politica così, cazzeggiando.La visione è sconsigliata dopo pranzo,come sempre la sinistra fa vomitare.

    Report

    Rispondi

  • satanik

    25 Settembre 2012 - 19:07

    Verissimo, ma qualcuno capirà, giudicherà e agirà di conseguenza ..... finita Farabuttilandia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog