Cerca

Intervista alla Cnn

Monti l'americano: "Non mi ricandido. Silvio in politica? E' suo diritto"

Il premier oggi parlerà alle Nazioni Unite. Intanto si scatena: "Nel 2013 farò il senatore. L'Italia oggi non è più un problema per l'Europa"

"Di fronte ad una richiesta senza precedenti di disciplina e sacrifici, il popolo italiano si è comportato in modo altamente responsabile. Abbiamo instaurato i prerequisiti per la crescita"
Monti l'americano: "Non mi ricandido. Silvio in politica? E' suo diritto"

Lui non si candiderà, Berlusconi forse sì e "sarebbe suo diritto". Nel suo tour americano (oggi parlerà alle Nazioni Unite al Palazzo di Vetro), il premier italiano Mario Monti ha modo di parlare della situazione interna. Lo fa in un'intervista a Christian Amanpour, prestigiosa anchorwoman della Cnn. Innanzitutto, il professore ribadisce che nel 2013 lascerà Palazzo Chigi: "Non correrò alle elezioni, sono stato nominato senatore a vita". Un no cortese a chi, come buon ultimo Silvio Berlusconi, aveva considerato il suo nome ma solo in caso di candidatura sulle liste elettorali. Monti non farà il premier, sempre che non glielo impongano gli esiti delle urne: in assenza di maggioranze solide, il prof sarebbe l'opzione preferita da molti anche se non "democraticamente" scelta tramite voto popolare. "Penso che in Italia sia importante che riprenda la vita politica con maggiore senso di responsabiità e maturità", ha continuato Monti che sullo stesso Berlusconi ha usato naturalmente toni assai concilianti: "Non so se deciderà di rientrare nella scena e candidarsi. Questo rientra chiaramente nei suoi diritti". 

"L'Italia non è più un problema" - Alla Cnn il presidente del Consiglio ha ancora una volta tessuto le lodi del proprio governo, non rincunciando a blandire l'opinione pubblica. Messo di fronte "ad una richiesta senza precedenti di disciplina e sacrifici, il popolo italiano si è comportato in modo altamente responsabile", dimostrando  di "capire chiaramente" che tutto ciò va nella direzione di un miglioramento delle loro prospettive future. Grazie alle politiche 'lacrime e sangue', sottolinea Monti al microfono della Amanpour, "abbiamo instaurato i prerequisiti per la crescita", che dovrebbe "riprendere nel prossimo anno". "Ora l'Italia non è più un problema per l'Europa", ha concluso il premier. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • uliclin

    27 Settembre 2012 - 15:03

    Tutti vogliono Monti, ( pd, udc, pdl, fli , terzo polo, ecc..) e anche chi non lo vuole, vuole magnare, e quindi il nostro vampiretto ha pensato che ci staranno tutti e farà la grande coalizione. D'altronde, tempo fa, al sud c'era la Magna Grecia, perchè non fare la MAGNA ITALIA? Bravo Monti!!

    Report

    Rispondi

  • fierodiessereitaliano

    27 Settembre 2012 - 14:02

    se credo non gli piaccia farlo

    Report

    Rispondi

  • gioperla

    27 Settembre 2012 - 10:10

    Da lunedi 1 ottobre per effettuare delle visure catastali, occorrerà pagare una tassa di 1 Euro a visura. Dopo anni che si chiedeva la libertà di accesso agli atti catastali per la trasparenza, il caro Monti ha pensato bene di lucrarci sopra. Che schifo. http://www.geometrisalernitani.it/index.php/item/211-nuovi-tributi-catastali-applicabili-dal-1-ottobre

    Report

    Rispondi

  • ocotillo

    27 Settembre 2012 - 09:09

    Il Capitano ha lasciato intendere che dopo,secondo lui,aver salvato l'Italia non ci degnerà di un altro mandato,ebbene siamo qui tutti a piangere per questo annuncio,come potremo non sentire più quelle banalità che ci ha somministrato in questo anno,quell'arroganza fatta di cattiveria del potere che ha sempre rappresentato,pur odiando i comunisti potrei persino accettare democraticamente Bersani o meglio Renzi,piuttosto che vederlo passare frettolosamente con quelle 3 carte che hanno avuto solo un'unica indicazione tartassare la povera gente e non tagliare niente della spesa pubblica e di questa indecente classe politica a cui lui stesso si è accodato ! Certo ora non c'è più bisogno di lui dopo aver fatto crollare l'economia,aver aumentato la disouccupazione,fatto crollare i consumi,tolto ogni speranza ai giovani,che cosa può fare ancora?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog