Cerca

Lo scandalo del Lazio

La Polverini si dimette a parole
Resta in Regione a rinnovare contratti
e a far pulizia nel Pdl

Nessun atto è stato presentato all'Ufficio di presidenza. Intanto Renata partecipa da governatrice alla conferenza delle Regioni

Convocata pure la giunta: l'intenzione è di ridurre il numero degli assessori e liberarsi degli ex forzisti legati ad Antonio Trajani
La Polverini si dimette a parole
Resta in Regione a rinnovare contratti
e a far pulizia nel Pdl

Per ora le ha solo annunciate. Le dimissioni di Renata Polverini rischiano di diventare un giallo. Nessuno nell'ufficio di presidenza del Consiglio ha infatti ancora visto l'atto con cui chiude definitivamente il suo rapporto con la Regione Lazio e ieri si è presentata come governatrice plenipotenziaria alla Conferenza Stato Regioni. Ovviamente la cosa non è sfuggita ai suoi detrattori che non hanno perso tempo per puntare l'indice. "La maestrina sta dando vita ad una colossale presa in giro dei cittadini del Lazio e di tutto il Paese", ha detto il capogruppo Pd alla Pisana, Esterino Montino. "Sono due giorni che va raccontando in tutte le salse ed in  tutte le televisioni un fatto che non è ancora accaduto. Siamo all’avanspettacolo”. 

Di certo c'è che non sarà convocato nessun Consiglio. “E' un’altra fantasia di Alemanno”, ha puntualizzato Renata Polverini le parole del sindaco di Roma che aveva  parlato di una possibile nuova riunione del Consiglio regionale del Lazio per discutere di tagli. La giunta, invece, è stata convocata. "Voglio diminuire il numero degli assessori della giunta e lo farò con un mio atto. Abbiamo lavorato sull'accorpamento delle deleghe". Alla fine ne è uscita con un mandato per impugnare davanti la Consulta la spending review nelle parti del riordino delle province e la privatizzazione delle società pubbliche. Non solo, ha rinnovato i contratti di due dirigenti esterni, Raffaele Marra (direttore del personale vicino al sindaco Alemanno) e Giuliano Bologna (coordinatore dell'avvocatura regionale che proviene dall'Ugl) la cui nomina era stata bocciata dal Tar a giugno e che la Regione ha preferito ignorare in attesta della pronuncia del Consiglio di Stato.

Poi si procederà al ritiro delle deleghe ad alcuni assessori: una decisione, anche questa, politica e da governatrice a tutti gli effetti. Nel mirino della Polverini ci sono assessori ben precisi: tutti gli ex ex forzisti della corrente di Antonio Tajani: Fabio Armeni, assessore alle Risorse umane, demanio e patrimonio, Angela Birindelli, assessore alle Politiche agricole, Marco Mattei, assessore all'Ambiente e Stefano Zappalà, assessore al turismo. Resterebbero invece al loro posto gli ex azzurri Giuseppe Cangemi, assessore ai Rapporti con gli enti locali e Sicurezza riconducibile alla corrente di Gianni Sammarco, e Fabiana Santini, assessore alla Cultura, fedele a Claudio Scajola, pare meritevoli di avere sempre appoggiato incondizionatamente l'azione di Renata anche nei giorni più bui.

Riguardo all'atto formale delle sue dimissioni, la governatrice del Lazio, sostiene di star ragionando con il ministro Cancellieri visto che da quello dipende l'avvio dell'iter che porterà al voto. "Tanto, giorno più giorno meno cambia poco - ha tuonato Polverini- l’importante è aver dato un taglio a questa situazione e   aver mandato a casa tutti quei cialtroni". Poi spiega: "La spending review - afferma Polverini - chiede che ci siano risparmi, accorpando elezioni politiche e amministrative".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • violet73

    27 Settembre 2012 - 16:04

    mi fa schifo come e più degli altri. Prima o poi la giustizia divina li fulminerà tutti, altro che caviale e champagne!

    Report

    Rispondi

  • pinux3

    27 Settembre 2012 - 16:04

    Qui ormai siamo ai "lunghi coltelli"...

    Report

    Rispondi

  • valerio5

    27 Settembre 2012 - 15:03

    anzi continua la faida interna alla pdl. ma che moralizzazione vuole fare questa quà,stanno alla resa dei conti, altro non si potevano spartire , erano arrivati a 20 commissioni, 14 assessori esterni, dirigenti che lei da dimissionaria ha riconfermato, ma che il tar per ben 2 volte aveva bocciato, perchè alcuni dirigenti non avevano i titoli. la moralizzatrice se nè fregata pure delle sentenze del tribunalr, poi vuole passare per dura e pura??Parole, parole, parole soltanto parole parole FRA VOI

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    27 Settembre 2012 - 14:02

    Ha dichiarato di essere stata vittima di una faida interna al Pdl. Lei, annunciate le dimissioni, ancora non le ha formalizzate, ma toglie le deleghe agli assessori che fanno riferimento a Tajani. Questa azione deve titolarsi "faida 2 la vendetta"? Questo era il rinnovamento?????

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog