Cerca

Verso il Grande Centro

La Casta dei Paperoni sta con Monti
lui deve scaricarli

Fini, Casini e Pisanu sono i politici più pagati: hanno subito appoggiato l'idea di Montezemolo di una lista civica che sostiene Monti
La Casta dei Paperoni sta con Monti
lui deve scaricarli

Il sostegno di Luca Cordero di Montezemolo a un Monti-bis è caduta come una bomba nel mondo politico. I primi a sostenere una "grande lista civica che chiami i raccolta le energie sane del Paese, senza personalismi", sono stati Gianfranco Fini e Pierferdinando Casini. Il premier la settimana scorsa aveva detto che non si sarebbe candidato ma se glielo avessero chiesto le forze politiche, in caso di necessità non si sarebbe tirato indietro. Un grande centro moderato che appoggi Mario Monti risolverebbe prima di tutto, il problema della leadership (lo stesso Montezemolo ha detto che è pronto a impegnarasi ma senza leadership e senza un ruolo). Oltre a Casini e Fini, il Grande Centro, avrebbe l'appoggio di Giuseppe Pisanu, ex ministro dell'Interno, 75 anni (ma secondo i dati diffusi dalla lista presentata dal senatore dell'Idv Stefano Pedica, Fini Casini e Pisanu sonoi più ricchi della Casta).  Beppe Pisanu: l'ex Dc, oggi al Pdl e grande manovratore nei giorni della caduta di Berlusconi, è il più longevo del gruppo con 38 anni e 88 giorni nei Palazzi di Roma.L'attuale presidente della Commissione parlamentare antimafia avrebbe intascato 5,5 milioni Non solo. Nella galassia di nomi che sarebbero pronti ad appoggiare un Monti-Bis c'è pure Lorenzo Dellai, presidente della Provincia di Trento: anche lui tra i "paperoni" della politica (con i suoi 21mila euro di stipendio). Oltre a Fini, Casini e Pisanu, Monti potrebbe contare sull'appoggio di Marco Follini Pd, Pietro Ichinio, Srefano Ceccanti e altri montiani.  Al lavoro anche Emma Marcegaglia, sigle dell'associazionismo cattolico e del mondo del lavoro (Cisl, Acli, Coldiretti e Confcooperatice). Nella galassia montezemoliana entrano anche "fermare il declino" di Oscar Giannino e "Indipendenti per l'Italia" di Ernesto Auci.  

Casta e legge elettorale I nomi  del mondo poltiico che hanno subito appoggiato l'ipotesi di Monti-bis Casini e Fini in primis, sono quelli di cui Monti dovrebbe liberarsi, perché anche loro rappresentano quella "casta" da cui l'Italia dove liberarsi per tornare a crescere. In realtà sulla strada della nuova Cosa pesa anche l'incognita della riforma elettorale: senza una legge in senso più proporzionale tutto sarà in salita. E poi c'è il gelo sia di Bersani ("basta scorciatorie e ricette italiche) e quello di Angelino Alfano ("Un Monti-bis è tecnicamente inspiegabile ci sarebbe da un lato un candidato reale, Bersani o Renzi, dall'altro un candidato virtuale che annuncia che non si candida).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Cajam

    13 Ottobre 2012 - 11:11

    E chiaro che siamo un paese di poveracci, un po' ladrie mooolto stupidi, ma una classe politica cosi' non la merita proprio nessuno.... forse i tedeschi!!!!

    Report

    Rispondi

  • BillyBis

    02 Ottobre 2012 - 08:08

    La luce in fondo al Tunnel all'interno del quale c'è solo Pattume: Sinistroidi e Berluscones.

    Report

    Rispondi

  • encol

    01 Ottobre 2012 - 16:04

    PERFETTO: così la pensiamo in moltissimi. Prima pulizia TOTALE, poi restituzione del MALTOLTO da consegnare alla tesoreria dello stato. Di certo chi ha già "soggiornato" in parlamento per più di 2 legislature non potrà avere alcun altro incarico pubblico.

    Report

    Rispondi

  • TheUndertaker

    01 Ottobre 2012 - 14:02

    Voi di Libero rischiate di causare una grave sindrome schizofrenica nei cervelli dei vostri affezionati elettori, ovvero i bananas. Tutti contro Monti, tutti pro Berlusconi. Peccato che Berlusconi, verificata l'impossibilità di rimettersi a capo di una coalizione vincente, si stia sempre più avvicinando alla soluzione Monti-bis: a lui interessa avere voce in capitolo in un modo o nell'altro, ovvero controllare direttamente un numero di parlamentari essenziali per costituire una maggioranza di governo, indipendentemente da chi sia il capo del governo. Non potrà farsi leggi a suo piacimento, ma potrà boicottare quelle sgradite e mercanteggiare su qualche legge per sé in cambio di qualche legge per il paese. Il vecchio corruttore venderà cara la pelle, state tranquilli. Quindi bananas, cominciate a parlar bene di Monti...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog