Cerca

Lo scenario del 2013

Squinzi apre al Monti-bis:
"Ma deve candidarsi"

Per il numero uno di Confindustria "in questi mesi abbiamo vissuto un’esperienza di governo che ha palesato molte difficoltà”

Squinzi apre al Monti-bis:
"Ma deve candidarsi"

“Non credo che un presidente non candidato possa gestire la prossima legislatura, perchè quella che abbiamo visto in questi mesi è un’esperienza di governo che   onestamente ha palesato molte difficoltà”. Lo afferma il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, in un’intervista al Messaggero, per il quale il paese ha bisogno di una “guida politica sicura, che conquisti la maggioranza dei voti e che abbia una stabilità interna, un programma e una capacità di operare nella prossima legislatura”. Il numero 1 degli industriale ha poi ribadito oggi di non essere contrario a un Monti-bis per il 2013, che passi però attraverso la legittimazione elettorale: "L'importante è che abbia legittimità elettorale, che venga scelto dai cittadini" ha detto Squinzi. “Questo governo ha ancora un paio di mesi di operatività,  perchè da metà dicembre inizierà la campagna elettorale. Bisogna  fare subito quel poco che si può”, chiede il presidente. In cima alla lista ci sono le norme sulla semplificazione burocratica, qualche   investimento per far ripartire le infrastrutture, i pagamenti della pubblica amministrazione e un segnale su innovazione e ricerca. “I soldi scarseggiano, ma si può pensare a forme di finanziamento alternative come project financing e qualche partnership pubblico-privata. Sarebbe un modo per far ripartire l’occupazione” dice Squinzi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giorgio_collarin

    01 Ottobre 2012 - 20:08

    monti dovrà essere eletto! la casta dovrà essere sciolta come neve al sole! confindustria detti alcune condizioni chiave per la ripresa industriale-produttiva! re giorgio a casa a riposare e a meditare! un esecutivo con gente nuova non uscita dalle liste dei partiti! voto nominativo! elezioni presto! sindacalismo da rivedere e correggere! bilanci trasparenti per tutti sindacati ed istituzioni! togliere prebende e vitalizi anche retroattivamente! tetto max di 5000 euro per tutti dal capo dello stato ai funzionari pubblici, ai consiglieri e governatori sia di regioni sia di province! retribuzione con gettoni di presenza! per i parlamentari! il popolo deve poter decidere in merito: "ti pago tot perché tu mi rappresenti!"

    Report

    Rispondi

blog