Cerca

Disegno di legge

Anticorruzione, gli emendamenti del Pdl
per tutelare il Cav nel caso Ruby

Tra le modifiche richieste un cambiamento nel reato di concussione che dovrebbe configurarsi solo se si ottiene una pubblica utilità

Severino: ce la metterò tutta perché dalla Commissione giustizia esca un testo equilibrato. Finocchiaro 
Anticorruzione, gli emendamenti del Pdl
per tutelare il Cav nel caso Ruby

 

Sono in tutto tregli emendamenti al ddl anticorruzione che potrebbero incidere sul processo Ruby in cui è coinvolto l’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.  Sul tavolo della commissione Giustizia del Senato li hanno presentati i senatori del Pdl Montagna-Galloni. Il nodo, però, spiegano alcuni parlamentari, è la specificazione che il reato di concussione si determina nel momento in cui si ottiene una utilità patrimoniale, come previsto alla Camera dal deputato Paolo Francesco Sisto. Attualmente, l’articolo 317 del Codice penale prevede che, invece, sia punibile il pubblico ufficiale o l'incaricato di pubblico servizio che, abusando delle sue qualità o dei suoi poteri, costringe o induce taluno a dare o promettere indebitamente, a lui o ad un terzo, denaro o altra utilità. La pena prevista è la reclusione da 4 a 12 anni.

Le modifiche In questa direzione va uno degli emendamenti presentati che, con altre due proposte di modifica, chiedono di restringere il campo penalè della concussione. Non solo chiedono di sostituire il termine indebitamente con illecitamente, circoscrivendo in modo più radicale l’ipotesi di reato ma domandano anche, secondo quanto viene riferito, che al verbo indurre si sostituisca determinare. "Oltre alle specificazioni che restringono il campo", commenta il capogruppo dell’Idv in commissione Giustizia al Senato Luigi Li Gotti, "il colpo finale" è l’aggiunta della definizione "patrimoniale".   Leggendo sul blog del senatore Li Gotti, noto avvocato penalista, si sottolinea: "è da gran tempo che il problema della corruzione è posto all’ordine del giorno. Il nostro Paese è appestato dal disprezzo per la pubblica amministrazione, considerata una realtà" dove si possono "cambiare le cose, deviando dalla correttezza, per ottenere illeciti vantaggi".   La corruzione e i reati connessi frenano "l'economia e condizionano la crescita: in breve impoveriscono il Paese e arrischiscono i disonesti. A parole sono tutti indignati e la politica è 'in testà, nel denunziare la patologia e proporre rimedi indifferibili ed energici. Ma domina, come spesso accade, una grande ipocrisia. Il Pdl ha presentato una richiesta di modifica che la dice, spregiudicatamente, lunga".

 

Pd sul piede di guerra "Io credo che il provvedimento  sulla corruzione, sebbene il testo non sia completamente  soddisfacente, vada approvato così com'è arrivato dalla Camera,   anche con il voto di fiducia". Lo ha detto Anna Finocchiaro,  presidente del gruppo del Pd.  "Mi pare invece - ha aggiunto- che ogni giorno che passa sorga un  impedimento e mi chiedo se il vero problema per cui il Pdl è così   ostile a questo testo è davvero nel traffico di influenza illecita o   in un’altra norma o se invece la questione centrale non sia nel regime  di incandidabilità e incompatibilità per coloro i quali hanno i   problemi con la giustizia. Io ripeto: noi abbiamo la necessità   assoluta di approvare questo provvedimento, per la ragione che   aggiungeremmo un altro mattone alla ricostruzione della competitività  dell’Italia, della sua capacità di porsi come un paese serio e   attrattivo per gli investimenti stranieri".

   "La corruzione costa al Paese 60 miliardi all’anno. Il   provvedimento contro la corruzione va approvato al più presto   possibile e non dobbiamo dare tempo a nessuno di giocare con un tema   così delicato, complesso e centrale. In questo momento della storia   d’Italia -ha concluso la presidente dei senatori del Pd- non si può   giocare con un tema così serio come quello del contrasto alla   corruzione".

 

Il ministro Severino "Confido che dalla Commissione Giustizia del Senato esca un testo equilibrato. Ce la metterò tutta".  E' l’auspicio espresso dal ministro della Giustizia, Paola Severino,   sul ddl anticorruzione, che oggi, martedìì 2 ottobre, torna all’esame della Commissione di  Palazzo Madama. Il Guardasigilli ha detto di avere letto gli   emendamenti e, rispondendo a una domanda su quelli presentati dal Pdl   ribattezzati "salva Ruby", al termine del suo intervento a un   dibattito della Fnsi sulla diffamazione, ha ribadito: "Ho parlato di   un testo equilibrato. C'è il mio impegno a rimodulare le fattispecie   di traffico di influenze illecite e corruzione tra privati, per   arrivare a un testo migliore. Il resto è dibattito".   Il ministro è poi tornata ad assicurare il rispetto di tempi   rapidi per l’approvazione del testo e, sull'ipotesi di porre la   fiducia al Senato, ha ripetuto: "Innanzitutto è fondamentale che   dalla Commissione venga fuori un testo corretto. Vedremo poi ciò che   accadrà in Aula". "Tutte le leggi nascono da un dibattito   parlamentare -ha sottolineato Severino- e io considero questo   dibattito non in senso peggiorativo".

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    03 Ottobre 2012 - 20:08

    Che pena,ci fosse stato almeno un punto su cui tu ci hai azzeccato.Ma che cazzo,sfidi persino la legge delle probabilità.Addolcire le pene?Eppure basta leggere,e che cacchio!

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    03 Ottobre 2012 - 18:06

    il laureato Cianno !!! ma li scrivevi così i contratti? se ti becca il Tubini...

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    03 Ottobre 2012 - 18:06

    lei insiste. Innanzitutto la frase era interrogativa «e allora siamo padroni di una banca?». Consorte risponde sì, «è chiusa, è fatta». Fassino subito aggiunge: «Siete voi i padroni della banca, io non c' entro niente»...). Comunque, non è reato avere una banca, non è reato comperare una banca, non è reato amministrare una banca. Altro che leggere tra le righe!!!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    03 Ottobre 2012 - 14:02

    Paniz, avvocato di Berlusconi, asserisce che Berlusconi era convinto che Ruby fosse proprio la nipote di Mubarak. A parte il fatto che lo sapeva da tempo che non era così, perché Paniz ci deve prendere per fessi? Per inciso perché noi cittadini dobbiamo pagare gli avvocati personali dell'ex Premier? E non da oggi...Taormina, Pecorella ecc..? E' un furto di danaro pubblico.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog