Cerca

L'arresto di Batman

Case, jeep e cravatte: tutte le spese di Fiorito

Nell'ordinanza del gip tutte le proprietà di Francone: abitazioni sparse nel Lazio, tre a Tenerife, una in corso d'acquisizione in Francia. E ancora: sciarpe per 4mila euro, caldaie ristrutturate. "Tutto con i soldi del Pdl"
Case, jeep e cravatte: tutte le spese di Fiorito

 

"L'arresto? Non me l'aspettavo. E comunque sono sereno". Franco Fiorito, finito in manette questa mattina con l'accusa di peculato per lo scandalo dei fondi del Pdl Lazio intascati per spese personali, si dice tranquillo anche nel momento in cui lo stanno conducendo in Questura per le procedure burocratiche. Da domani andrà in carcere, anche se l'ex capogruppo azzurro in Consiglio regionale del Lazio trova il modo di sfottere qualche nemico interno: "Meglio il carcere di qualche persona del Pdl"

Quante case per Batman - Leggerezza che non si addice né alla stazza di Francone-Batman né alle accuse contenute nell'ordinanza del Gip di Roma che ha disposto l'arresto. Ad inguaiare Fiorito potrebbe essere proprio il suo patrimonio. Una casa a Roma (in via Catania 69), cinque ad Anagni, una a Piglio (Frosinone), una a San Felice Circeo e tre a Tenerife in Spagna. Il giudice per le indagini preliminari dà conto di quanto illustrato ai pm dall’esponente politico nell’interrogatorio del 19 settembre scorso circa gli altri immobili da lui frequentati: "Ho la disponibilità dei 3 appartamenti a Roma, uno in via Micheli 90 dove attualmente abito, di proprietà di un commercialista romano, uno in via Margutta 65 di proprietà dell’Ipab e uno in via Giosuè Maria di proprietà dell’Accademia nazionale di San Luca. Quanto ai beni mobili - ha rivelato ancora Fiorito - sono proprietario di 3 auto e due motocicli e ho la disponibilità di una imbarcazione a motore in leasing". Ecco perché questa mattina per perquisire tutte le residenze di Fiorito la Guardia di Finanza ha dovuto mobilitare un discreto numero di militari. Nell’ordinanza del gip si ricorda, infine, che Fiorito ha in corso di acquisizione anche un immobile a Mentone, in Francia. 

Fatture nelle case di Fiorito - E nelle abitazioni del consigliere regionale del Pdl sono state rinvenute fatture che testimoniano l'altissimo tenore di vita di Fiorito. Cravatte di Marinella e sciarpe in seta per una spesa di quattromila euro, per esempio, acquisto compiuto alla vigilia di Natale dell’anno scorso ed è intestato al 'gruppo consiliare Pdl via della Pisana'. Questa, come altre fratture, è stata trovata dai finanzieri nel tritacarte di Fiorito, pronte insomma per essere distrutta. A Batman viene contestata l’appropriazione di una somma che si aggira intorno al milione e 300mila euro, anche se le indagini sono su 6 milioni di contributi che spettavano al Pdl. Alle somme che l’ex capogruppo Pdl ha versato direttamente sui suoi conti, ci sono 2 milioni e 600mila euro di bonifici presso terzi, più altri 2 milioni di euro fuoriusciti dai conti del Pdl. Tra gli utilizzi di danaro sotto la lente degli inquirenti c'è anche l’acquisto di una Jeep pagata poco più di 35mila euro, acquistata in coincidenza con la nevicata che mise in ginocchio la capitale nel febbraio scorso e una caldaia per la villa di San Felice Circeo.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • diretur

    05 Ottobre 2012 - 23:11

    moltissimi lettori, coi quali sono d'accordo, hanno sufficentemente espresso la vergogna e la disistima per i politici italiani. Quel che non capisco è perchè il malcontento popolare non si organizzi con 20-30000 volontari e manifesti,quotidianamente,facendo sit-in attorno ai palazzi di governo,ostacolando pacificamente l'entrata e l'uscit adei parlamentari e senatori. E così per giorni e giorni,affinchè capiscano che il limite è stato superato,che non se ne può più, che devono smetterla di prendere per il culo il POPOLO ITALIANO, e che dovrebbero essere onorati di essere lì GRATIS. Ma non abbiamo manco più le palle per protestare, e aspettiamo la fine...............

    Report

    Rispondi

  • gioch

    03 Ottobre 2012 - 14:02

    Non commento il personaggio,ma sta scritto che ha usato,per fini propri(come tutti gli altri in proporzione)i denari del PDL.Dove sta il "peculato"?Il PDL l'ha denunciato?Quei soldi non erano dello Stato,erano già persi perchè nelle mani del partito(come tutti gli altri partiti in proporzione).E' una questione etica.Se in famiglia,mio figlio ruba i soldi dal cassetto,è un problema di famiglia,non dello Stato che mi paga lo stipendio che mio figlio ha rubato.Che poi si provi un po' tanto schifo,ci sta.Ma per tutti e non da galera;espropriare gli importi e distribuirli ai bisognosi.

    Report

    Rispondi

  • petergreci

    03 Ottobre 2012 - 13:01

    Fiorito è l'eredità politica lasciata dalla destra italiana al potere da 20 anni. Non si capisce lo scaricare tutte le responsabilità ad una sola persona quando il P.D.La. blocca in parlamento la legge anticorruzione. W FIORITO. Il magna-bunga-magna nella Regione Lazio è la logica conseguenza della condotta politica e personale di tanti dirigenti altolocati..magna-bunga-magna-bunga.

    Report

    Rispondi

  • CICCI1938

    03 Ottobre 2012 - 10:10

    Premetto che non sono um "manettaro" ma vorrei che qualcuno,per esempio magistrati sei e non tipo Ingroia,perchè Fiorito e Sallustri devono andare in carcere quando l Sig. Penati,se sono vere solo metà delle accuse che si son lette sulla stampa,dovrebbe essere in carcere già da parecchio tempo.Sono anche convinto che se al posto di PENATI ci fosse stato uno del PDL,le toghe rosse sarebbero intervenute subito.Ma "Re Giorgio",che è bene ricordare è il Presidente del CSM(centro smistamento merci),al quale nulla sfugge non s è accorto di questa disfunzione?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog