Cerca

Verso le premarie

Ecco il sistema Bersani: da Cl alle coop

Il leader del Pd può contare sulla preziosa amicizia con Giorgio Vittadini, presidente della Compagna delle Opere che è un catalizzatore di voti

Ecco il sistema Bersani: da Cl alle coop

Un viaggio nell'Emilia di Pierluigi Bersani alla vigilia delle primarie, con un Matteo Renzi agguerrito, determinato, affabulatore, grandissimo comunicatore. Bersani, tuttavia, come sottolinea il Fatto Quotidiano, ha alcuni assi nella manica. Il primo, tra tutti, è Giorgio Vittadini numero uno della Compagnia delle Opere, "l'uomo più influente all'interno di Comunione e Liberazione".  L'amicizia tra Bersani e Vittadini risale a tempi antichi, addirittura ai tempi in cui è nata la stessa Compagni delle Opere. Il Fatto cita un articolo di Enrico Deaglia sul Venerdì di Repubblica del 2003 in cui Bersani parla al meeting di Rimini: "La vera sinistra non nasce dal boscevismo, ma dalle cooperative bianche dell'Ottocento. Solo l'ideale lanciato da Cl negli anni '70 è rimasto vivo, perché è quello più vicino alla base popolare". 

Amicizie importanti Quando Achille Occhetto volle cambiare il nome del Pci, per un po' pensò di chiamare il nuovo partito Comunità e Libertà perché tra noi e voi le radici sono le stesse". Non è un caso - rimarca Il Fatto - se il meeting di Comunione e Liberazione si svolge a Rimini. "Il merito è della Regione Emilia Romagna che continua a dare un presente anche in tempi bui come questi" Vasco Errarni, comunista romagnolo è la guida ombra dell'apparato. Un'altra amicizia che dà delle sicurezze è quella con il mondo delle Coop. "A tendere il filo è Errani: la sintonia tra i costruttori e il partiti sono linfa vitale". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pinux3

    06 Ottobre 2012 - 16:04

    Questa è la prima volta che la sento...E io che pensavo che CL fosse con Formigoni...

    Report

    Rispondi

blog