Cerca

Il colloquio

Berlusconi a Belpietro:
"Faccio un passo indietro
e vi spiego il perché"

Il Cavaliere lascia: non si ricandiderà. L'obiettivo? Favorire una nuova alleanza tra i moderati: "Non posso permettere che il mio Paese finisca in mano alla sinistra"

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

 

"«Presidente, ma è vera questa storia?» Berlusconi è appena rientrato da Mosca, dove ha festeggiato i sessant’anni di Putin, ma è già impegnato in una riunione. Al telefono dà la sensazione di essere all’oscuro della bomba che è scoppiata in serata, sganciata da Angelino Alfano con una dichiarazione a proposito del possibile passo indietro del Cavaliere. «Quale storia?» , mi chiede. «Quella di una sua rinuncia alla candidatura per le prossime elezioni. Il segretario del Pdl dice che se si trova l’accordo lei non sarà il candidato premier del centrodestra». L’ex premier sembra sorpreso, ma poi spiega: «Non è una novità: è quanto dico da tempo. Io voglio l’unità dei moderati e per ottenerla, se serve, sono pronto anche a non presentarmi. Che c’è di strano? Io intendo fare ciò che è utile e giusto per il mio Paese e se, per ottenere un fronte unico della sinistra, c’è bisogno che io mi faccia da parte, lo farò»". Inizia così il colloquio tra il direttore di Libero, Maurizio Belpietro, e Silvio Berlusconi; un colloquio che potete leggere integralmente su Libero in edicola oggi, il day-after l'annuncio del segretario Alfano: "Silvio è pronto a non candidarsi" che, tradotto dal politichese, significa che Berlusconi non correrà per la premiership alle prossime elezioni. Il Cavaliere spiega poi che "non c'è trucco né possibilità di ripensamento". Sembra deciso alla rinuncia, insomma, pronto a farsi da parte per fare il padre nobile. Una mossa che serve a togliere gli alibi ai vari Casini e Montezemolo, nonchè agli altri partiti moderati: se Berlusconi si fa da parte non potranno più dire che "l'alleanza è impossibile". L'obiettivo fondamentale? Il Cav ha le idee chiarissime: battere l'armata brancaleone di sinistra (e salvare il paese da un governo rosso).

Leggi il colloquio integrale tra Silvio Berlusconi e Maurizio Belpietro su Libero in edicola oggi, martedì 9 ottobre

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • osicran2

    19 Ottobre 2012 - 12:12

    Finalmente un po' di ragionevolezza! Se veramente Berlusconi manterrà la parola, si apriranno nuovi scenari politici ed è quello che da tempo vado sollecitando. Ora rimane da vedere le capacità di questo centro destra o dei moderati, spero che colgano l'occasione e non facciano rimpiangere proprio Berlusconi!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    10 Ottobre 2012 - 09:09

    Doveva farla nel '94.invece di andare con la Lega e farci imbastardire nella rete del potere locale, spendaccione per rimanere a galla e farsi rivotare. Oggi non avremmo quel fardello di debito. In realtà Berlusconi, sa che sara' condannato, che oltre il 16% non arriva e che non ha alleati né persone all'altezza. Il passo indietro é d'obbligo. E' meglio del calcio sul di dietro

    Report

    Rispondi

  • anonimus1966

    10 Ottobre 2012 - 01:01

    ma intanto anche tu ci hai consegnato alla dittatura della finanza!ci credi scemi? massimo trevia.

    Report

    Rispondi

  • opzionemib0

    09 Ottobre 2012 - 22:10

    fsa un passo indioetro perche' ha solo fatto figure di merda. quaqquaraquaquaqquaraqua.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog