Cerca

Partito allo sbando

Nel Pd volano stracci
Fassina: Monti è da rottamare
Letta: è in contrasto col partito

Il responsabile economico dei democratici scrive sul Foglio: non ci sarà alcuna ripresa, la replica del vice segretario: ha passato il segno

Nel Pd volano stracci
Fassina: Monti è da rottamare
Letta: è in contrasto col partito

 

"L'agenda Montì, così acclamata e così poco compresa da Matteo Renzi&C, non funziona. Non per colpa   di Monti". Lo scrive Stefano Fassina in un lungo articolo sul Foglio dal titolo 'Rottamare l’Agenda Monti "Il presidente Monti si è  trovato, da un lato, vincolato dall’agenda conservatrice europea e, dall’altro, costretto a confermare gli impegni ancor più restrittivi,  sottoscritti per deficit di credibilità politica, dal governo Berlusconi-Bossi-Tremonti", dice Fassina che aggiunge: "Oggi l’Agenda Monti per cultura politica e economica e   interessi materiali in essa prevalenti è meno adatta ad affermare le   priorità della fase (lasciamo stare le imitazioni improvvisate in   concorso nelle primarie del centrosinistra: sono imbarazzanti rispetto  alla qualità dell’originale). Ma, soltanto la   propaganda strumentale può leggere nella proposta correzione di rotta  la volontà di smontare gli interventi degli ultimi mesi.  Aggiustamenti vanno fatti (sugli esodatì e sugli squilibrati assetti degli ammortizzatori sociali nella Legge Fornero)".

La replica di Letta "Con l’intervento di oggi  pubblicato sul Fogli  Stefano Fassina, si è passato il segno". Lo scrive sul suo blog il  vice segretario del Pd Enrico Letta.  "Tra tante analisi di sistema, più o meno condivisibili, vi è  una inaccettabile conclusione che appare in stridente contraddizione  con tutto ciò che di positivo il Partito democratico ha fatto in   questi mesi, sostenendo il governo Monti o contribuendo a correggerne   gli errori. Un governo che ha restituito credibilità e decoro  all’Italia e ha permesso la fine della lunga esperienza berlusconiana  - prosegue Letta-. Le tesi espresse nell’articolo contro l’agenda Monti  sono smentite nella realtà dall’impostazione che il Pd ha sposato e   dalle scelte che Bersani ha compiuto, da ultimo anche con il   chiarissimo, e ineccepibile, intervento in Assemblea nazionale". Prosegue: "Nei fatti, in Parlamento e nel Paese, il Partito democratico e  il suo segretario si sono dimostrati determinanti per il sostegno a   questi dieci fondamentali mesi di attività dell’esecutivo. Noi   abbiamo voluto per primi Monti, caricandoci anche responsabilità non   nostre. Noi rivendichiamo la giustezza di quella scelta. La   condivisione profonda di quanto è stato compiuto e la necessità di   una continuità programmatica nel prossimo governo è sancita,   peraltro, dalle conclusioni della Carta d’intenti, ribadite e votate   dall’Assemblea di sabato all’unanimità", sottolinea il vice   sgeretario del Pd.

L'affondo del vicesegretario  Per il vice segretario del Pd, "è chiaro, a chi è dotato di  buon senso e responsabilità, che qualunque primo ministro si candidi   a succedere a Monti dovrà farlo in continuità con Monti stesso, per   avere stabilità, far evolvere le politiche economiche italiane, far   uscire definitivamente il Paese dalla crisi. Con le tesi espresse nel  pezzo di Fassina un presidente del Consiglio, quale che sia, durerebbe  in carica i giorni che intercorrono tra il suo insediamento e la prima  asta dei titoli di Stato".   "Il Partito democratico ha agito e assunto impegni diversi da   quelli delineati dall’articolo uscito oggi sul Foglio. E Bersani è   sempre stato inequivocabile da questo punto di vista. Motivo per tanti  di noi determinante per appoggiarlo convintamente alle primarie del   centrosinistra. Primarie che son certo vincerà, nonostante Fassina”,  conclude Letta. .

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • chitinon

    10 Ottobre 2012 - 14:02

    A questo punto sarebbe opportuno una edizione speciale della Corrida dove PD, Centro Sinistra, PDL, FL, centro destra, MPA, UDC e Cantiere Popolare si possano misurare per monitorare le lotte, i dissidi, e lo sfascio in generale che li avvolge tutti

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    10 Ottobre 2012 - 14:02

    sono uno contro l'altro, sono allo sbando!

    Report

    Rispondi

  • afadri

    10 Ottobre 2012 - 13:01

    Si un partito alo sbando, ma non da ora.tutti contro Alla fine saranno tutti da rottamare

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    10 Ottobre 2012 - 11:11

    è solo uno spasmo post mortem. Il PD ha già tirato le cuoia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog