Cerca

Legge elettorale

Parlamentari contro le preferenze, in 40 scrivono una lettera al Cavaliere

"Vogliamo salvare lo spirito del '94 e tutelare la figura del leader", dicono. O hanno paura di chiedere il voto ai cittadini?

La teoria è che un partito moderno è quello senza correnti e fratture interne. Per questo, sostengono i firmatari, le preferenze sono nocive
57
Parlamentari contro le preferenze, in 40 scrivono una lettera al Cavaliere
La teoria è che un partito moderno è quello senza correnti e fratture interne. Per questo, sostengono i firmatari, le preferenze sono nocive

 

“Per favore, tutto, ma le preferenze no”. In vista della riforma della legge elettorale, quaranta parlamentari del Pdl (tra i quali la fresca ex Stefania Prestigiacomo, ora passata a Futuro e Libertà, Antonio MartinoRiccardo Mazzoni, Eugenia Roccella, Enrico La Loggia, Giuliano Cazzola, Melania Rizzoli, Mario Pili e Fiamma Nirenstein) chiedono a Silvio Berlusconi e Angelino Alfano che si facciano garanti del listino bloccato. Il succo è: se c'è bisogno di una nuova legge elettorale, i quaranta firmatari si adeguano, ma che non venga data la possibilità agli elettori di scegliersi il candidato.

Ragioni (di facciata) - I deputati azzurri hanno a cuore la tenuta del Pdl, o almeno così scrivono. Il sistema delle preferenze è "del tutto estraneo - recita la lettera - alla filosofia della discesa in campo del 1994", in quanto con la sua reintroduzione si ricostituirebbe un partito da Prima Repubblica, cioè "dominato dal correntismo, dallo scontro feroce fra fazioni e cordate, dal professionismo della politica". Ecco qual è il problema: i firmatari temono che l'irrobustirsi delle correnti indebolisca la figura del leader, sia o no Berlusconi. Le preferenze minano "la funzione unificante della leadership, e la possibilità per il Partito di esprimere un indirizzo politico unitario" in campagna elettorale come nelle istituzioni", dicono.

Paura dell'elettore - Fin qui, siamo al testo della lettera. Ma non è che i quaranta parlamentari siano più semplicemente terrorizzati dall'idea di doversi presentare dagli elettori per chiedere il voto? Comizi, porta a porta, piazze, campagne di comunicazione e di propaganda. Convincere la gente a darti la preferenza è faticoso, molto più facile farsi garantire dalla segreteria di partito un buon posto nel listino bloccato.

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sardapiemontese

    13 Ottobre 2012 - 16:04

    beh..qualche bugia silvietto mio l'ha raccontata te ne dò atto....ma voi sinistrosi nel frattempo dove eravate?? lasciami pensare.....ah..ecco...eravate a congresso permanente per capire se la bindi era ancora vergine...e nel frattempo mettevate ai voti se aveva o no le mutande.... caro figliolo.. non volermene.. ma riesci sempre a farmi ridere e di questo ti ringrazio.

    Report

    Rispondi

  • manuelebonbon

    12 Ottobre 2012 - 16:04

    vedendo lo sguardo assorto e attento di silvio e il dito proteso ad indicare qualcosa del suo cameriere, secondo me stanno valutando se la parlamentare PDL Elvira Savino, detta LA TOPOLONA, oggi ha le mutande o meno.

    Report

    Rispondi

  • ghino47

    11 Ottobre 2012 - 20:08

    Ma quanto sono brutti e infantili quegli ehehe... eheheh...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media