Cerca

Caos Lombardia

La Lega a Formigoni: "Nuova giunta o voto"

Dopo l'arresto di Zambetti i consiglieri del Carroccio pronti alle dimissioni. Salvini: "Il governatore faccia un passo di lato"

Il segretario lumbard: "La Lega è da sempre contro la mafia e la 'ndrangheta. La situazione è difficile"
La Lega a Formigoni: "Nuova giunta o voto"

La Lombardia come il Lazio. I consiglieri regionali della Lega Nord, dopo la riunione serale al Pirellone, hanno comunicato di aver già firmato le proprie lettere di dimissionei in seguito all'arresto dell'assessore alla Casa Domenico Zambetti del Pdl. La mossa del Carroccio, di fatto, vuole portare alle dimissioni del governatore Roberto Formigoni, che a questo punto paiono inevitabili. Senza i 20 consiglieri, la maggioranza del Celeste (che con i 29 pidiellini arriva a 49 su 80 al Pirellone) è destinata a cadere: dopo 17 anni potrebbe così finire il "regno" di uno dei più potenti uomini politici della Lombardia. Che dopo quattro mandati non si potrà più ricandidare ne lo vorrà, aspirando magari ad un posto a Roma. In realtà Matteo Salvini, segretario della Lega in Lombardia, ha lanciato un aut aut a Formigoni, un ultimo appiglio: "O cambia tutta la giunta, azzerandola e dimezzandola, oppure lo sfiduciamo e si andrà al voto ad aprile". Aut aut velenoso perché l'altra condizione è che il governatore faccia un "passo indietro o di lato", lasciando spazio a un nuovo presidente ad interim. "Ci rifletta questa notte", è l'ultima parola di Salvini. 

L'avvertimento di Salvini - Il segretario leghista in Lombardia aveva avvertito il governatore già nel pomeriggio. "La Lega è nata per combattere mafia, camorra e 'ndrangheta - aveva detto l'europarlamentare a Tgcom24 -. Un conto è discutere della sanità e Daccò, un conto è sentire puzza di ‘ndrangheta in Regione Lombardia. Siamo fondamentali per Formigoni ma non facciamo da stampella a nessuno. Stasera prenderemo una decisione". Salvini non aveva dimenticato i lati positivi della gestione del Celeste Formigoni: "Conti alla mano la Regione Lombardia è quella meglio amministrata e in questo Formigoni ha ragione. Sicuramente il giorno dopo lo scioglimento del consiglio comunale di Reggio Calabria vedere portare via una assessore per 'ndrangheta mi fa riflettere sul dubbio se questo arresto terribile valga per far saltare il tavolo".

L'amarezza del governatore - Subito dopo la notizia dell'arresto dell'assessore, Formigoni, che è chiuso nel suo ufficio nel nuovo palazzo della Regione Lombardia a poche centinaia di metri dal Pirellone, aveva commentato con i suoi fedelissimi al Pirellone con tono amaro: "O siamo di fronte a un clamoroso abbaglio della magistratura oppure Domenico Zambetti mi ha tradito e ha tradito tutti voi". "Avevo chiesto per due volte agli assessori se avessero la coscienza libera e se fossero disposti a fare gli assessori per esclusivo vantaggio dei cittadini - avrebbe ricordato in Giunta il governatore, una volta fatti uscire i "tecnici" - e di fronte alle mie insistenze personali mi era stato garantito che tutto era rigorosamente conforme alla legge".

Vertice a Roma - In tarda serata, dopo aver appreso l'esito del vertice del Carroccio, Formigoni ha annunciato che domani vedrà a Roma il segretario del Pdl Angelino alfano e quello della Lega Roberto Maroni. "Insieme decideremo il da farsi" ha detto il governatore.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    11 Ottobre 2012 - 12:12

    la richiesta della lega di una nuova giuunta o del voto anticipato mi sembra una richiesta degna di essere appoggiata da tutti i citdadini Normali. Formigoni è un amministratore migliore rispetto alla maggior parte della platea di miserabili incapaci tirati addosso agli elettori come candidati di partito; perchè mandar via lui rischiando di trovarci poi con qualche animale dei tanti che girano nella immorale politica italiana ?

    Report

    Rispondi

  • vin43

    11 Ottobre 2012 - 12:12

    Non è lo stesso di quando il pm di Montenero di Bisaccia all’epoca di «mani pulite» diceva che nel PCI era impossibile incolpare alcuno poiché non si sapeva con certezza chi ritirava le tangenti? Non è sempre strano tutto questo?

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    11 Ottobre 2012 - 10:10

    perhè in Campania bassolino non si mai dimesso anzi era stato rieletto e tutti possono immaginare da dove venivano i voti, in Puglia abbbiamo vendola indagato non certo per l'orecchino ma per una sanità sporca ma non si fa niente, in Emilia poi è ancora più divertente, una barzelletta non ci farebbe ridere di più, in Emilia abbiamo un errani che ha usato soldi pubblici per darli alla Coop del fratello, poi comeha usato il resto dei soldi non si deve sapere, bersani ha messo il veto, perchè a dx abbiamo nomi e personaggi in galera, giustamente, ma a sx solo ignoti? Votate pure la sx e se non fate quello che vi dicono di fare andrete subito in galera, ma i comnisti sono come gli islamici, sono orgogliosi di morire per chi glielo obbliga. Possibile che nel 2012 ci siano ancora tante persone che si lasciano incantare da questa ideologia che toglie loro la volontà di fare dire pensare?

    Report

    Rispondi

  • feltroni ve le suona ancora

    11 Ottobre 2012 - 09:09

    ah già, son tutti dentro...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog