Cerca

L'uscita di Grilli

Legge di stabilità, Grilli: "Effetti delle detrazioni dal 2013"

Il ministro dell'Economia: "Gli effetti delle detrazioni solo dal 2013. Avanti con il rigore, altrimenti non abbasseremo mai la pressione fiscale"
Mario Monti e Vittorio Grilli

Mario Monti e Vittorio Grilli

 

Il nuovo sistema di detrazioni messo a punto dal governo nella legge di stabilità partirà dal 1° gennaio 2013. Lo ha spiegato il ministro dell'Economia, Vittorio Grilli, a margine dei lavori in corso al Fondo Monetario Internazionale. Il titolare del dicastero di via XX settembre ha spinto su quanto sia "importante proseguire" sul rigore dei conti pubblici. "In questa fare non si può smettere di essere rigorosi sul taglio della spesa se si vuole essere più dolci sul fronte delle tasse", ha spiegato riferendosi alla legge di stabilità recentemente varata dai tecnici.

Il (finto) saldo - La legge prevede tagli all'Irpef per i redditi più bassi, l'aumento dell'Iva di 1 punto percentuale e pesanti tagli alle detrazioni fiscali. "E' una situazione complessa - ha aggiunto Grilli - con una serie di tecnicalità che si ripresentano ogni volta che si toccano le aliquote. Il nuovo sistema di detrazioni partirà dal 1° gennaio 2013 dal punto di vista di cassa". Il ministro ha ricordato che il taglio delle detrazioni vale 1 miliardo rispetto ai 6,5 miliardi derivanti dal taglio Irpef sulle aliquote migliori: "Ci sono 5,5 miliardi che entrano nelle tasche degli italiani". Peccato però che Grilli abbia scordato l'aggravio dell'aumento Iva, che porta in passivo il saldo per i cittadini.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudio13

    13 Ottobre 2012 - 08:08

    piano piano ci stiamo livellando alle economie del nord africa deserto.

    Report

    Rispondi

  • Beppe.demilio

    13 Ottobre 2012 - 07:07

    Monti ci massacra in anticipo e Napolitano firma in anticipo ulteriori batoste che peseranno sempre di più sui più deboli. Perchè Monti pensa a nuove tasse e le fa partire dal 2013? La risposta è semplice! Napolitano e Monti hanno capito che alle prossime elezioni tutti i partiti faranno promesse che non riusciranno mantenere visto le condizioni in cui lo stesso Monti ci ha fatti sprofondare. Ed ecco che i tanti Marchionne d'Italia sosterranno un governo bis Monti perchè un governo ci vuole ed è meglio che sia dalla parte dei potenti. Eccoci serviti.Noi sempre spremuti e loro se la godono!E gli Italiani che faranno? Godranno per il forte bruciore al fondo schiena, esattamente come ora!

    Report

    Rispondi

blog